BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NELMERITO.COM/ Germania dell’Est e Sud Italia: anche nel nostro Meridione è possibile un “miracolo economico”

Pubblicazione:venerdì 10 dicembre 2010

Operaio_Motore_MotoR400.jpg (Foto)

Poi, dopo dieci anni, l’inversione di rotta. La Germania «decise che era necessario un trasferimento di capitali, di conoscenza e di tecnologia», pena il decadimento dell’intera Nazione. Vennero «trasferiti gli standard istituzionali, legali e amministrativi della Germania occidentale, garantendo un forte impegno nella lotta contro la corruzione». La Germania puntò su formazione e ricerca, mettendo «in campo il meglio della ricerca pubblica: università, istituti per le scienze applicate e centri di ricerca».

 

Tutto ciò non era ancora sufficiente. Per evitare la fuga di cervelli, lo Stato creò una solida rete di trasporti e infrastrutture che non facessero sentire le eccellenze sperdute in lande desolate. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Un avanzato sviluppo in settori come «i semiconduttori, i nuovi materiali, la chimica avanzata, l’ottica, le biotecnologie, il solare e il fotovoltaico». E in Italia? Il modello tedesco non è esportabile, certo.

 

Ma «sarebbe urgente realizzare un serio piano infrastrutturale materiale e immateriale per il nostro Sud». Anche qui, i risultati sarebbero enormi: il Meridione potrebbe «diventare la piattaforma strategica del Mediterraneo e sviluppare lungo le sue coste delle efficienti e moderne autostrade del mare». Servirebbe, quindi, «potenziare e rendere convenienti i traffici marittimi e commerciali occorre» e «modernizzare i porti».

 


CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 

 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >