BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Una "tempesta" d'oro pronta a partire dalla Spagna

Pubblicazione:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Il problema è che le banche, disperate, cercano di rifarsi su correntisti e mutuatari continuando ad alzare i tassi, come ad esempio fanno Santander e Bbva che offrono prestiti a un tasso percentuale di tre punti maggiore dell’Euribor a dodici mesi. Insomma, il boom immobiliare torna a presentare il conto, combinato con l’alto tasso di disoccupazione: l’abilità di aggiustare i tassi è quindi cruciale per le banche spagnole se vogliono generare profitti, a fronte di un crollo del 40% del tasso di interesse corrisposto al cliente da parte di Bankinter. «Da miniera d’oro, i mutui sono diventati delle macine per le banche spagnole», sentenzia Pablo Garcia, capo equities alla Oddo Sociedad de Valores di Madrid. La casa brucia, urgono pompieri.

 

P.S. In caso il quadro non vi sembri abbastanza fosco, Andrew Bosomworth, capo della gestione portafoglio di Pimco (il principale fondo obbligazionario del mondo) in Europa, ha reso noto che le politiche messe in atto dall’Ue sono assolutamente inutili in assenza di un’unione fiscale e porteranno inevitabilmente alla rottura dell’euro: «I vigilantes del mercato dei bond stanno perdendo fiducia nella politica e stanno tentando di liquidare le proprie posizioni sui periferici più in fretta di quanto la Bce possa acquistare debito, causando un aumento senza freni dei rendimenti e un circolo vizioso». Buon 2011.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
24/12/2010 - Buon Natale Bottarelli (J B)

In ritardo, ma complimenti per il bel articolo e auguri di Buon Natale. Spero nel 2011 continui con i suoi articoli assolutamente necessari e spero voglia prestare indagare fino alla radice del problema, ovvero cosa è il denaro. A proposito è di recente uscito un libro così intitolato che sono sicuro può trovare in rete. L'oro (meglio se fisico) è un buon investimento da ormai dieci anni. Spero gli investitori e le famiglie comincino a capirlo, invece di andare dai compro-oro e venderlo per ricevere in cambio carta straccia. Sarebbe interessante un Suo articolo anche sull'argento e nel particolare il problema che JP Morgan ha al riguardo - da attento studioso sono sicuro non Le è sfuggita la questione. Auguro anche un buon Natale al lettore che ritiene creare moneta dal nulla sia la soluzione. Non lo è e non lo è mai stata nella storia dell'uomo. Non esiste un pranzo gratis. L'economia cresce su risparmi e produzione. Non sul debito o sulla massa monetaria inflazionata dalle banche centrali.

 
23/12/2010 - e la Germania ? (attilio sangiani)

i banchieri tedeschi,scottati dall'acqua calda nel 1923,ancora oggi ( i loro successori,ovviamente ) hanno paura dell'acqua fredda. Forse occorrerebbe che dessero più attenzione alla "economia reale" e non si opponessero alla produzione di moneta da parte della BCE,come hanno sempre fatto e fanno gli Istituti non ingessati.,come, e alla grande,la FED. Se non si stimola la produzione di reddito "reale",ci si avvita in un circolo perverso,che porta all'impoverimento,mentre ci sono le condizioni per un "reale" progresso economico.

 
23/12/2010 - Buon Natale (Diego Perna)

Approfitto per fare a Bottarelli e a tutta la redazione gli auguri di Buon Natale, anche al Sig. Catozzi per dirgli che molti le vacanze sulla neve possono soltanto sognarsele e non è colpa di chi scrive articoli di finanza ed economia !!

 
23/12/2010 - Pausa Natalizia (Eros Catozzi)

Caro mauro ,almeno per Natale prenditi una pausa sulle tue lugubri previsioni sull'Europa ..passa il Natale in Famiglia ,prega un po' di piu' del solito , e poi fatti una vacanza sulla neve ..E forse capirai che c'e' anche qualcosa di bello nel Mondo...con affetto un tuo lettore ...