BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Quanto è costato agli italiani il wi-fi sul Freccia Rossa?

Foto Ansa Foto Ansa

I dati più preoccupanti arrivano invece dal segmento non di mercato, dove si è registrata una contrazione dell’offerta di oltre il 21%. Trenitalia offre sempre meno treni, mentre rispetto al 2006 ha visto un aumento importante dei contributi (+104% nei contributi per i treni notturni e il servizio universale tra il 2006 e il 2009). Nel solo 2009 i contributi nel media e lunga percorrenza sono diminuiti del 2,6% a fronte della caduta del 21%.

 

È bene che i contributi pubblici vadano a sussidiare il servizio universale e non progetti sbagliati. Per avere il giusto livello di sussidio pubblico è necessaria tuttavia una concorrenza reale tra gli operatori sia nella media e lunga percorrenza che nel trasporto regionale.

 

Le leggi attuali non aiutano a sviluppare una vera concorrenza e questo non dà incentivi a ridurre gli sprechi per ottenere una maggiore efficienza nelle aziende statali con conseguente riduzione dei costi anche per la collettività.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
23/12/2010 - Soliti annunci... (Alberto Contri)

Capisco le ragioni dei pendolari regionali o provinciali. Ma ci sono anche quelli "nazionali" come me, e che prendono il Frecciarossa per Roma 2 e anche 4 volte la settimana (è molto meglio dell'aereo). Finalmente con il WIFI si potrebbe davvero lavorare come in ufficio annullando del tutto il tempo petrso mel viaggio...ma nonostante lo strombazzamento pubblicitario, per ora il WIFI annunciato funziona si è no come un 3G. Funziona anche in galleria, ma è davvero poca e soprattutto incostante...Il solito paese degli annunci?

 
23/12/2010 - Dopo Arrigo (Alberto Consorteria)

Grande Sussidiario, dopo Arrigo che mette in fila le mancanze di Alitalia, era ora che qualcuno (Melini nella fattispecie) lo faccia con Trenitalia. Trenitalia pur di viaggiare veloce da Torino a Napoli ha cancellato di tutto. Non si può più andare la sera tardi da Vicenza a Milano (ma il nord del paese non era l'area sviluppata da preservare?). Rivogliamo li economici "diretti"!