BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

SCENARIO/ Bonanni (Cisl): basta soldi a Fiat, usiamoli per la riforma fiscale

Bonanni_CislR375.jpg(Foto)

Non sarà uno sciopero generale, ma particolare, perché non vi parteciperamno tutti: la Cgil è infatti una realtà minoritaria nel panorama sindacale italiano. Riprova del fatto che si cercano solo contrasti politici è il fatto che su una materia importante come la riforma fiscale si convochi uno sciopero, peraltro l'ottavo in poco tempo, in un periodo di crisi, abbaiando alla luna e facendo spendere inutilmente soldi a chi vi partecipa. Rispetto chi vi sarà in piazza, ma va ricordato che c'è poco da scialare di questi tempi.

 

A proposito di campagna elettorale, con quali criteri la Cisl sceglierà quali candidati sostenere?

 

La Cisl non sceglierà candidati da sostenere. Le scelte politiche non sono materia gestibile dalla Cisl: giustamente riguardano le decisioni della singola persona, iscritta o meno al sindacato. Non cambieremo tale linea nemmeno in questa occasione, anzi saremo più rigorosi, perché abbiamo bisogno di tutti per portare avanti le istanze delle persone più deboli, degli ultimi. Se portassimo questi soggetti all'interno di un contenzioso politico ne risenterebbe solamente l'interesse delle persone che rappresentiamo.

 

(Lorenzo Torrisi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
01/02/2010 - Non solo Fiat (Roberto Alabiso)

Così, tanto perchè non ce ne dimentichiamo. Se tutte la PMI che oggi sono in difficoltà dovessero salire sui tetti, ci sarebbe il turno per farlo. Gli incentivi andrebbero dati a tutte le imprese ,non solo alle forti e potenti. Si sa, queste cose le continuiamo a ripetere sui blog, ma è più raro sentirle in tv o nelle radio e mezzi d'informazione ufficiale. Capisco che le MPMI sono milioni di lavoratori e il discorso è complicato e più "costoso" che aiutare la Fiat ed inoltre fa meno rumore anche a causa di una atavica ritrosia di questi imprenditori a giocarsi la faccia e preferire il "si salvi chi può", ma così facendo tutto il tessuto sociale che vive di lavoro autonomo in piccole imprese sarà decimato nella legge del -mors tua vita mea-.