BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Il LUV affonda le Borse e riapre la crisi mondiale

Pubblicazione:

Trader_pensierosoR375_30sett08.jpg

Ma dove sta la crisi? La Santabarbara sta per esplodere dalle parti di Madrid, a leggere la serata di passione della Borsa. Per la prima volta, nonostante gli ottimi risultati del Santander di don Emilio Botin, le convulsioni arrivano dal mondo bancario, zavorrato da incagli e sofferenze del mercato immobiliare.

 

Fino a ieri, a raddrizzare la baracca, ci stava un settore pubblico in buona salute. Ma la strada del deficit è ripida: il debito pubblico è schizzato dal 54 al 74 per cento in 12 mesi. Niente di paragonabile con i numeri della vecchia, malandata Italia che da un quarto di secolo veleggia ben oltre quota 100 per cento. Ma in questi casi quel che conta è la velocità della caduta. Ma dove sta l’epicentro della crisi?

 

Ad Atene, of course. Non solo perché, in questo caso, il debito rischia di sprofondare a quota 135 per cento su Pil salvo interventi drastici, assai più draconiani di quelli pur benedetti dalla Bce (congelamento dei salari pubblici, inasprimento delle condizioni pensionistiche), più per offrire un sostegno psicologico all’azione del governo che per reale convinzione. Difficile, senza un piano di Eurolandia, centrare l’obiettivo del rientro dal 12,7 per cento di deficit sul Pil al 3 per cento previsto dalle regole di Maastricht in soli due anni.

 

Anzi, impossibile, perché il risanamento impone sviluppo che, a sua volta, richiede investimenti garantiti da capitali. Merce rara, anzi rarissima ad Atene e che l’Europa, su indicazione tedesca, non intende sacrificare sulle vie del Peloponneso. Non resta che la via di Pechino, si sono detti in Grecia offrendo un cospicuo pacchetto di hellenic bonds alla Cina attraverso la solita Goldman Sachs.

 

Purtroppo la Cina è in frenata: il Drago, che teme gli effetti del surriscaldamento dell’economia, mira a proteggere la sua crescita senza toppi rischi per arrivare in una condizione ben governabile agli appuntamenti congressuali del 2012. Non ha tempo né voglia, perciò, per aumentare i propri impegni in aree così lontane e, semmai, così vicine agli interessi dell’Occidente.

 

Tocca a Londra e a Wall Street, insomma, disinnescare l’ennesima bomba che rischia di far saltare l’edificio della finanza globale: la Cina è troppo impegnata a “difendersi” dalle provocazioni in arrivo da Google o da Taiwan per stendere una rete protettiva fatta di yuan. E New York, invece, prende atto che ancora una volta la parola ripresa è stata pronunciata con troppo anticipo: posti di lavoro e consumi devono ancora attendere.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
08/02/2010 - pensioni,tasse..... (muzio berardo)

Sono seriamente preoccupato, tutto quello che leggo sui giornali non corrisponde alla realtà!Ho il grosso timore che in questi anni dove aumentavano stipendi e pensioni oltre il costo della vita e calavono le tasse, mentre questo governo "non metteva le mani nelle tasche degli italiani" Si stesse invece accumulando soldi per fare un CRAXI2,una TANGENTOPOLI2.IMMUNITA',PROCESSO BREVE,LEGITTIMO IMPEDIMENTO.Siamo ricattati da un trafficone che antepone il SUO benessere come un dittatore della peggiore specie,a quello dei cittadini,sempre che le dittature possano essre migliori o peggiori. Mentre alla mia famiglia accadeva l'incontrario di quello che si legge sui giornali.La mia pensione,documentabile,era netta nel 2008 a 1153€ netti al mese.Nel 2009,dopo l' aumento ,(3,3%)è andata a 1148€.Nel 2010 senza che l'inps si scomodasse a mandare la solita lettera di adeguamento,è finita a 1138€netti.Vorrei sapere dove posso rivolgermi per informarmi se sono vittima di una truffa legalizzata oppure di un errore(all'inps ci sono già stato)ma si può stendere un "PIETO VELOSO"in riguardo alla comicità delle risposte,al punto che ho chiesto dove potevo inoltrare domanda di NON aumento pensionistico. PERO'VI PREGO DATEMI QUALCHE INFORMAZIONE ,QUALCHE DRITTA, INDIRIZZO,PERCHE' MI SENTO IMPOTENTE,SENZA ALCUNA SPERANZA cordiali saluti Muzio Berardo