BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIAT/ 3. Tutti gli aiuti di Stato a Fiat esaminati dall’Ue negli ultimi 10 anni

Pubblicazione:

Fiat_Lancia_AlfaR375.jpg

Bruxelles, 2 ottobre 2002

 

La Commissione autorizza un aiuto in favore di Iveco per investimenti da realizzare in Italia

 

La Commissione europea ha autorizzato l'Italia a concedere 121 milioni di € a titolo di aiuto regionale all'investimento in favore dello stabilimento Iveco di Foggia (Puglia) per finanziare un investimento volto alla produzione di nuovi motori diesel. La decisione è stata adottata al termine di un'indagine formale da cui è emerso che l'aiuto in questione era giustificato e commisurato. Non sono pervenute osservazioni né denunce da parte di terzi interessati.

 

Il beneficiario dell'aiuto proposto è la Iveco SpA, che produce motori, veicoli commerciali leggeri ed autocarri ed appartiene al gruppo Fiat. La sovvenzione regionale all'investimento consentirà ad Iveco d'installare una nuova linea di produzione per una nuova famiglia di motori diesel denominata F1 e destinata ad attrezzare veicoli commerciali leggeri, presso lo stabilimento della società a Foggia (Puglia).

 

Il progetto esaminato dalla Commissione comporta un investimento di 323 milioni di € da realizzare tra il 2000 e il 2003, di cui 121 milioni sono coperti dal contributo. La regione Puglia è riconosciuta dalla Commissione come una regione assistita ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 3, lettera a) del trattato in base alla carta degli aiuti regionali dell'Italia per il periodo 2000-2006, e quindi può beneficiare di un massimale di aiuto regionale del 35% ESN (al netto di tasse).

 

La Commissione inizialmente aveva espresso dubbi sulla compatibilità dell'aiuto con la disciplina comunitaria degli aiuti di Stato all'industria automobilistica del 1997 e aveva avviato un procedimento d'indagine formale per poter dare alle autorità italiane nonché a tutti i terzi interessati la possibilità di presentare osservazioni. La Commissione non ha ricevuto alcuna osservazione da parte di terzi.

 

In base alla disciplina comunitaria di aiuti di Stato all'industria automobilistica, la Commissione deve accertarsi che gli aiuti concessi in questo settore siano necessari alla realizzazione del progetto nella località interessata e siano commisurati agli svantaggi individuati nella regione rispetto ad una località d'investimento alternativa.

 

Quanto alla necessità dell'aiuto, la società beneficiaria deve dimostrare chiaramente di possedere un'alternativa economicamente valida per l'ubicazione del progetto. La Commissione ha valutato la mobilità geografica del progetto e ritiene che lo stabilimento Bielsko Biala, del gruppo Fiat, in Polonia avrebbe potuto ospitare il progetto e quindi Iveco ha effettivamente potuto scegliere di realizzare l'investimento presso il sito alternativo.

 

Per valutare la proporzionalità dell'aiuto, è stata realizzata un'analisi costi/benefici. L'analisi costi/benefici ha raffrontato i costi che Iveco sosterrà per realizzare l'investimento a Foggia con quelli relativi ad un progetto identico nella località alternativa di Bielsko Biala.

 

L'analisi costi/benefici ha dimostrato che i sovraccosti connessi alla localizzazione della produzione a Foggia anziché a Bielsko Biala sono superiori all'ammontare dell'aiuto proposto per il progetto. La Commissione ha quindi concluso che l'aiuto può essere approvato.

 

Nota agli editori

La Commissione recentemente ha anche approvato sovvenzioni per un certo numero di altri costruttori automobilistici tra cui Renault per lo stabilimento di Valladolid (Spagna), Vauxhall (Ellesmere Port, Regno Unito), Ford (Valenza, Spagna), e DaimlerChrisler (Kölleda, Germania).

 

L'attuale disciplina comunitaria degli aiuti di Stato per l'industria automobilistica scade nel dicembre 2002. Dal 2004 l'industria automobilistica sarà integrata nella nuova disciplina multisettoriale degli aiuti regionali destinati ai grandi progetti d'investimento che entrerà in vigore il 1° gennaio 2004. Le regole della nuova disciplina diventano più rigorose in funzione della dimensione dell'investimento. I progetti di dimensioni particolarmente grandi continueranno ad essere ammissibili ad aiuti di Stato, ma il massimale autorizzabile sarà inferiore a quello attuale.

 

Nel frattempo, nel 2003, al settore in questione saranno applicate regole transitorie molto semplici. Tali regole prevedono che i progetti nell'ambito dell'industria automobilistica potranno beneficiare di aiuti a concorrenza del 30% del massimale autorizzabile per ciascuna regione (anziché fino al 100% secondo le regole attualmente in vigore).

 

Aiuti di stato a Fiat per progetti formativi 2003-2007

Date of adoption of the decision: 17.9.2003

Member State: Italy

Aid No: N 322/03

Title: Fiat Auto and Comau training aid

Objective: Training aid

Aid intensity or amount: Training aid of EUR 38 239 650 in favour of Fiat Auto and training aid of EUR 5 537 573 in favour of Comau

Duration: 2003 to 2005

 

Date of adoption of the decision: 13 August 2004

Member State (Region): Italy

Aid No: N 236/04

Title: Modification of N322/03 - training aid to Fiat and Comau

Objective (sector): The training project is, according to the Italian authorities, an important mean not only for the accomplishment of the Fiat Group's industrial plan, but also for the improvement of Fiat Group's personnel's employability. The projects' goal is to develop competencies and know-how that can be employed not only within the group itself, but also in a wider context.

Legal basis (in original language): La base giuridica è costituita dall'articolo 9 della legge 19 luglio1993, n. 236: ‘Interventi urgenti a sostegno dell'occupazione’ (ed inoltre l'Accordo quadro Fiat del dicembre 2002 e gli Accordi sindacali del 18 dicembre 2003).

Budget: The aid amount will be of € 5 132 970.

Aid intensity or amount: The aid intensity will be 33.7 % of the eligible costs for specific training (representing 15.9 % of the total training provided) and 58.6 % for general training.

Duration: The modified training plan will last from 2004 to 2006.

 

Date of adoption of the decision 13.6.2007

Reference number of the aid N 541/06

Member State Italy

Title (and/or name of the beneficiary) Aiuti destinati alla formazione a favore di Fiat Auto per il periodo 2006-2008

Legal basis Articolo 9 della legge N. 236 del 19.7.1993 «Interventi urgenti a sostegno dell'occupazione»

Type of measure Individual aid

Objective Training

Form of aid Direct grant

Budget Overall budget: EUR 23,88 million

Intensity 70 %

Duration (period) 2007-2009

Economic sectors Motor vehicles

Name and address of the granting authority Ministero del Lavoro e della previdenza sociale

Other information Prolongation of aid approved with decision of 17 September 2003 in case N 322/03

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SUGLI AIUTI DI STATO A FIAT ESAMINATI DALL’UNIONE EUROPEA NEGLI ULTIMI DIECI ANNI CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >