BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ L'imprenditore Hans Reitz: così il microcredito può cambiar la vita di 14 milioni di europei

Pubblicazione:venerdì 12 marzo 2010

Portafogli_euroR375.jpg (Foto)

«Le imprese sociali toccano i nervi più scoperti dell’umanità». Parola del Premio Nobel per la pace Muhammad Yunus e del suo nuovo socio in affari, sociali naturalmente, l’imprenditore tedesco Hans Reitz. Insieme, hanno creato il Grameen Creative Lab: una società di consulenza che offre a Ong e multinazionali strumenti e opportunità di partnership per combattere la povertà applicando il modello di business sociale che Yunus ha ideato, e testato, con la Grameen Bank. E che il Lab, nato da una collaborazione tra lo Yunus Center di Dhaka e la Circ Responsibility di Wiesbaden, in Germania, incarna perfettamente. Yunus e Reitz considerano il modello Grameen uno strumento di lavoro e uno stimolo imprenditoriale da proporre ai giovani.

 

In cosa consiste il modello Grameen Social Business?

 

Forniamo una struttura per affrontare questioni sociali combinando il know-how del mondo del business con un’aspirazione al cambiamento sociale. Il nostro esempio originale è la Grameen Bank.

 

Quello che sta promuovendo è un business model piuttosto che il sistema del microcredito in generale...

 

Penso che il modo migliore per implementare il microcredito a livello mondiale sia utilizzare il modello proposto attraverso le Grameen Social Businesses, modello che può essere utilizzato, e applicato, in tanti modi diversi. Il nostro focus principale è sul microcredito, che secondo me è uno strumento di business in grado di migliorare la qualità della vita di milioni di persone.

 

Funziona anche nei Paesi industrializzati?

 

Chi sostiene che il microcredito funzioni solo nel Sud del mondo sbaglia: è un modello universale. Nel passato, il microcredito non ha dato buoni risultati nei Paesi sviluppati perché non puntava alle fasce più deboli della popolazione. In Europa, dobbiamo cercare i più poveri tra i poveri - non quella parte intermediaria che sta vivendo con poco, ma che sta comunque sopravvivendo. Se proposto ai destinatari giusti, il microcredito potrebbe avere il potere di cambiare enormemente le vite di 14 milioni di europei.

 

Avremo dunque una Grameen Bank per l’Europa?

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’INTERVISTA AD HANS REITZ SUL MICROCREDITO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >