BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INCENTIVI/ Il Governo approva il dl per incentivi su casa, elettrodomestici e motocicli. Ecco tutti gli sconti previsti

Pubblicazione:venerdì 19 marzo 2010

operaio_lavatriceR375_4nov08.jpg (Foto)

INCENTIVI - Via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge che finanzia il fondo incentivi allo sviluppo economico a sostegno dei settori in crisi. Il fondo che sarà attivato dal ministero per lo Sviluppo economico sarà di 300 milioni di euro: 200 arriveranno dalla lotta all’evasione fiscale, altri 100 da risorse del ministero dello Sviluppo economico. Ecco nel dettaglio le misure varate.

 

Incentivi per la cucina - È previsto un contributo, sotto forma di riduzione, “per il 10% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 1.000 euro, per la sostituzione dei mobili per cucina in uso con cucine componibili ed elettrodomestici da incasso ad alta efficienza”.

 

Incentivi per elettrodomestici - Se invece di cambiare la cucina si opterà per la sostituzione di un singolo elettrodomestico, è prevista una serie differenziata di sconti. La condizione è che si tratti di acquisti di elettrodomestici ad alta efficienza energetica e dotati delle più aggiornate misure di sicurezza. Per le lavastoviglie lo sconto è del 20% fino ad un massimo di 130 euro, per i forni elettrici e i piani cottura il 20% fino a 80 euro, per la cappa elettrica si arriva ad un tetto di 500 euro, sempre con il 20% di sconto.


Incentivi moto e scooter -
Se si cambia un vecchio motociclo (euro 0 o euro 1) con “un motociclo fino a 400 cc di cilindrata ovvero con potenza non superiore a 70 kw nuovo di categoria euro 3” si potrà avere uno sconto “per il 10% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 750 euro”. Lo sconto raddoppia se si acquista un motociclo dotato di alimentazione elettrica o ibrido.

 

Incentivi per la casa - Fino a 7.000 euro di sconto per l’acquisto di eco-case, che consentono un risparmio consistente di energia. La norma prevede un contributo pari a 83 euro per metro quadrato di superficie utile (con un massimo di 5.000 euro) per immobili che garantiscono un risparmio di energia del 30% rispetto ad alcuni valori standard identificati in un decreto del 2005. Lo sconto sale a 116 euro al metro quadrato e ad un tetto di 7.000 euro se i consumi energetici migliorano del 50%.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SUGLI INCENTIVI APPROVATI DAL GOVERNO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >