BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TASSE/ Campiglio: Caro Tremonti, la tua riforma fiscale penalizza le famiglie

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

In una certa misura sì. Nel Paese, infatti, esiste certamente un problema di livello inadeguato dei redditi dipendenti (che sono l’80% dei redditi totali) rispetto al costo della vita, in particolare per quel che riguarda il costo dell’abitazione (sia in affitto che in proprietà). I “costi fissi” per poter vivere sono tre: abitazione; spese generali come bollette; trasporti. Tolti questi costi fissi dal reddito, cosa resta per il fabbisogno alimentare? Poco, e la tendenza ora è quella di spendere meno per il cibo, con riflessi sulla sua qualità, che specialmente per i minori e i bambini può essere dannosa.

 

Un aiuto arriva però dalla capacità di risparmio degli italiani: spesso i genitori possono intervenire economicamente per aiutare i figli che non ce la fanno.

 

Questo è il motivo per cui la contrapposizione fatta in passato tra padri e figli non ha più senso. È un fatto importante di cui tener conto, specialmente nell’ipotizzare la riforma delle pensioni. Come faranno i padri con meno pensioni ad aiutare i figli? La cosa migliore sarebbe pagare meglio, e in maniera giusta, i figli. Ma mi rendo conto che non sarà una cosa semplice.

 

I dati del Dipartimento delle Finanze evidenziano anche una differenza territoriale: in Lombardia il reddito medio complessivo dichiarato è di 22.540 euro, in Calabria ammonta a 13.470: una diversità notevole.

 

Si tratta però di una discrepanza che non coglie la vera capacità di spesa e di risparmio delle famiglie. Considerando i “costi fissi” (di cui parlavo prima) e il livello dei prezzi delle due regioni, la differenza non è più di quasi 9.000 euro, ma inferiore. Dato che è plausibile ritenere che i costi fissi siano più alti laddove crescono i livelli dei redditi, la differenza reale tra le due regioni è sicuramente più bassa.

 

Il federalismo fiscale, che è un altro pilastro della riforma fiscale che ha in mente Tremonti, potrà aiutare a diminuire ulteriormente queste differenze? Oppure si rischierà di avere delle regioni in cui si pagano meno tasse e che attireranno più cittadini?

 

Il federalismo fiscale ha una conseguenza positiva e fondamentale: collegare la responsabilità della spesa con le entrate, facendo sì che le regioni possano diventare più efficienti. Potrebbe anche accadere che alcune regioni siano fiscalmente più convenienti e i cittadini potrebbero esprimere le loro preferenze “votando con i piedi”, come dicono gli economisti, cioè spostandosi dove si pagano meno tasse. Questa però sarebbe una virtù e non un problema. Se poi le infrastrutture come l’alta velocità aiuteranno i collegamenti tra grandi città si potrebbe pensare di risiedere in una regione e lavorare in un’altra, creando un incentivo alla mobilità del lavoro, oltre che a quella dei contribuenti.

 

Il terzo pilastro della riforma fiscale è la lotta all’evasione. Tremonti ha sottolineato che nel 2009 sono stati recuperati 9 miliardi di euro: una cifra ancora modesta rispetto all’entità del fenomeno. Pensa che l’idea del ministro di inviare ai contribuenti dichiarazioni dei redditi pre-compilate a casa possa dare un mano in questo senso?

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’INTERVISTA A LUIGI CAMPIGLIO SULLA RIFORMA FISCALE DI GIULIO TREMONTI CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


COMMENTI
01/04/2010 - Caro Tremonti dacci una mano, o anche due! (claudia mazzola)

Ieri Antonio mi dice che è in cassa integrazione ben tutto il 2010 ad € 1.150,00 al mese e per il 2011 passerà ad un contratto di solidarietà che gli permetterà di riprendere a lavorare per € 950,00 mensili. Sono contenta per lui ma non per le famiglie che sborsano per lui, sono queste anche da aiutare.

 
01/04/2010 - Non solo le famiglie (Roberto Alabiso)

Il professor Campiglio, nella sua analisi ha dimenticato le PMI che con le famiglie vanno di pari passo. Come rinunciare agli introiti che da entrambe derivano. Se si riducono gli utili nelle imprese e molte di queste chiudono, dove andare a recuperare altre tasse. Lo scudo è andato, a meno di altri colpi di genio, o di riuscire a recuperare l'evasione da chi possiede yacth nelle Caiman, cosa improbabile, sono certo che a pagare saranno , come al solito i più deboli come già avviene. Per capire questo non ci vuole molto, basta guardarsi un pò intorno. Grazie Buona Giornata