BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BCE/ Trichet: Bene Tremonti e la banche italiane. Avete ancora una finanza sana

Pubblicazione:sabato 10 aprile 2010

trichet2R375_2dic08.jpg (Foto)

IL GOVERNATORE DELLA BCE TRICHET ELOGIA IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO - Bene l'Italia,  la politica di bilancio del ministro Tremonti e le banche italiane. E' il senso dell'intervento del governatore della Bce Trichet al convegno di Confindustria di Parma. «Le banche italiane rispetto a un grande numero di altre banche europee e nel mondo hanno dimostrato un elevato livello di lucidità» ha detto Trichet tessendo le odi del nostro sistema bancario. «L'Italia - ha continuato Trichet - ha una finanza privata sana, che non è mai caduta negli eccessi finanziari del recente passato. Resta un'economia manifatturiera, dove la finanza è il primo e principale supporto all'economia reale» Secondo il governatore della Bce Trichet. «la forte propensione al risparmio e la prudenza delle banche rappresentano quindi una piattaforma solida dalla quale l'economia puo' ripartire».


LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI ECONOMIA E FINANZA DE ILSUSSIDIARIO.NET

 

 

TRICHET TESSE LE LODI DI TREMONTI - Ottimo anche il giudizio sull'operato del ministro dll'Economia Giulio Tremonti che secondo Trichet ha saputo gestire la crisi in maniera più che adeguata: «la prospettiva di medio termine ha guidato la politica di bilancio in Italia durante la crisi» ha detto Trichet. «Il ministro dell'Economia - ha aggiunto il governatore della Banca Centrale Europea - ha resistito alle pressioni per l'introduzione di stimoli fiscali che vadano oltre l'alleggerimento che deriva dall'azione degli stabilizzatori automatici». Per Trichet la politica economica di Tremonti è «una strategia appropriata, dato il suo scottante debito pubblico e in prospettiva della sua evoluzione nel lungo termine».

 

 

Leggi anche: FINANZA/ I nuovi segnali di crisi arrivano dalle previsioni meteo, di M. Bottarelli

 


PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >