BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

J’ACCUSE/ Il silenzio dei politici sulle tariffe costa 16 milioni ai poveri

Il mancato rinnovo delle tariffe postali agevolate per il mondo non profit, spiega GIUSEPPE FRANGI, creerà un grave danno, aggravato dal silenzio della politica

Poste_Lettera_ManoR375.jpg(Foto)

Sarebbe interessante capire quanto incida nell’utile record realizzato da Poste Italiane nel 2009 (904 milioni di euro) la grande massa di comunicazioni che le associazioni non profit hanno spedito per cercare sostenitori e fondi.

 

È vero che in un anno complessivamente molto positivo per l’azienda, solo i veri e propri servizi postali hanno registrato una flessione del 5%. Ma quella flessione sarebbe stata molto più pesante senza la voce del non profit, a cui Poste Italiane sino al 31 marzo assicurava una tariffa stracciatissima, attorno ai sei centesimi, coprendo il resto della tariffa con un contributo dello Stato, per altro suo azionista di maggioranza.

Il 1° aprile Poste Italiane ha scoperto che con il decreto governativo che non rifinanziava le agevolazioni si apriva un grande buco ed è subito corsa a contattare i big dell’associazionismo per offrire loro un mini sconto sulla tariffa, nel frattempo aumentata del 500%. Ovviamente il rifiuto è stato secco e senza eccezioni.

Ma se l’azienda Poste ha fatto il suo mestiere, la politica, che indirettamente ne è l’azionista, è rimasta muta. E questo è l’aspetto più incredibile della settimana di fuoco che abbiamo vissuto, con il sito Vita.it travolto dai click di migliaia di volontari e di semplici cittadini, indignati per quel provvedimento preso in maniera così proditoria. Il silenzio, dopo il colpo di mano, è apparso ancora più irreale: come se non ci si rendesse minimamente conto del danno provocato.

«Chi li ha visti?» Titola la copertina di Vita questa settimana. Il riferimento è a un altro fenomeno ben più drammatico, quello delle persone scomparse. Ma quel titolo potrebbe benissimo adattarsi a quei politici della maggioranza che non hanno avuto neppure la forza di dare una spiegazione, di indicare una seppur vaga via di uscita. Acqua in bocca, e via andare.

C’è chi ha provato a suonare la sveglia con immagini forti, come il direttore del Banco Alimentare che in una lettera a ilsussidiario.net ha scritto che un provvedimento come questo equivale «a sparare in fronte ai più poveri». Un giudizio non molto lontano dal vero, come dimostra lo screening che la redazione di Vita ha realizzato, interpellando una quarantina di associazioni nazionali e cercando di analizzare con loro le ricadute concrete dell’aumento delle tariffe postali.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO