BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PRANZO DI PASQUA/ Tutti i numeri dei consumi e degli sprechi degli italiani

Nelle vacanze pasquali gli italiani hanno speso 1,3 miliardi di euro in piatti tradizionali. La maggior parte ha passato seduta a tavola mediamente tre ore, mentre il 17 per cento ha optato per un picnic sui prati, specialmente nelle riserve o nei parchi naturali.

Tavola_apparecchiataR375_29dic08.jpg (Foto)

Nelle vacanze pasquali gli italiani hanno speso 1,3 miliardi di euro in piatti tradizionali. La maggior parte ha passato seduta a tavola mediamente tre ore, mentre il 17 per cento ha optato per un picnic sui prati, specialamente nelle riserve o nei parchi naturali. Complessivamente, nonostante gli effetti della crisi, per il pranzo di Pasqua, si è speso circa il 5 per cento in più rispetto allo scorso anno.

Leggi anche: INCENTIVI/ Via libera al nuovo calendario. Cosa deve fare il venditore per ottenere il rimborso degli sconti. Info e numeri utili


- Normalmente, secondo le stime di Coldiretti, almeno un terzo del cibo acquistato in occasione del pranzo di Pasqua avanza e viene gettato nella spazzatura. Quest'anno, proprio per la presenza ancora avvertibile della crisi, molto del cibo che normalmente sarebbe gettato via, sarà reimpiegato.


Secondo Coldiretti gran parte degli avanzi del pranzo di Pasqua saranno trasformati in frittate, polpette, pizze farcite o ratatouille (si tratta di una sorta di caponata ). L'agnello avanzato dal pranzo di Pasqua, in particolare, sarà cotto al sugo con le verdure.

Se c'è stata una leggera ripresa del turismo, in occasione delle feste pasquali, altrettanto non si può dire per gli affari dei ristoratori: Federalberghi-Confturismo ha registrato un aumento dell'8 cento, pari a circa 9 milioni e 200 mila vacanzieri. Si è trattato di un giro d'affari quantificabile in 2,7 miliardi. Secondo i ristoratori della Fipe, invece, gli italiani che in occasione del pranzo di Pasqua hanno mangiato fuori casa sono stati 4 milioni, il che ha significato un calo del 2,4 per cento rispetto al 2009.


PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO