BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CRISI/ Caro Tremonti, tre riforme a costo zero per raddoppiare la crescita

Crescere cercando di contenere il debito pubblico: questa è la sfida per l’Italia in questa fase di uscita dalla crisi. CARLO PELANDA spiega come poter ottenere contemporaneamente questi due risultati

operaio_magneteR375.jpg (Foto)

La priorità del rigore, visto il problema del debito, è evidente. Ma c’è anche la priorità della crescita. Il Fmi stima che il Pil italiano crescerà solo dello 0,8% nel 2010, il governo l’1%. Anche se sarà maggiore, comunque resterà insufficiente per riparare (redditi, occupazione, ecc.) il sistema economico colpito da una regressione del Pil dell’1% nel 2008 e del 5% nel 2009. Si possono combinare le due priorità?

 

Si deve. Il rigore senza crescita, alla fine, annulla gli effetti del primo. L’equilibrio di bilancio lo si ottiene sia controllando la spesa sia aumentando il gettito in modo sano, cioè non alzando le tasse, ma il Pil. Questa seconda gamba per l’equilibrio della finanza pubblica non c’è.

La sua mancanza comporta il rischio che per mantenere credibile la ripagabilità del debito pubblico, allo scopo di poterlo rifinanziare a prezzi sostenibili, in condizioni di bassa crescita, si debba tagliare la spesa pubblica fino al punto da ridurre le garanzie essenziali: sanità, istruzione, pensioni e sicurezza. Oppure alzare le tasse, eventualità che ci porterebbe verso una spirale di impoverimento irreversibile entro un decennio.

Pertanto non è un’opzione, ma una necessità, il combinare rigore, crescita e, per quanto possibile, riduzione del debito. Poi c’è un altro problema. Non possiamo aspettare due o tre anni, nei quali, restando così le cose, cresceremo attorno o poco sopra un insufficiente 1%, per ottenere una riforma fiscale che nel futuro lontano migliori i potenziali di crescita interna. L’arcobaleno illuminerebbe un’economia devastata.

Dovremo crescere di più subito. Come si fa? La via più veloce, anche se “sporca” e pericolosa per gli equilibri globali e per l’inflazione importata, sarebbe quella di svalutare l’euro contro il dollaro (e conseguentemente contro lo yuan) e dare impulso alle esportazioni. Quelle italiane, per tipo di settore, risentono parecchio del cambio. Quelle della Germania meno, ma sarebbero aiutate comunque. La Germania crescerebbe di più, l’Italia che è uno suo fornitore di componenti e merci di lusso ne godrebbe e inoltre aumentarebbe le vendite della sua ottima meccanica e prodotti pregiati nel mondo.

Far crescere di più il modello attuale (poca crescita interna bilanciata dall’export) appare un’opzione pragmatica fino a che non sarà fattibile quello nuovo. Ma la Germania non appare intenzionata ad approvare la svalutazione. La Bce, il cui statuto la obbliga solo alla difesa contro l’inflazione e non a sostenere la crescita, neppure.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL SIMBOLO >> QUI SOTTO


COMMENTI
25/05/2010 - riforma fiscale (mauro omiccioli)

Premetto di non essere un economista ne uno statista e nemmeno ragioniere, però visto che finalmente in Italia si parla di questo argomento, facciamola per bene questa riforma, se qualcuno avesse una idea dovrebbe proporla. La mia idea è molto semplice, probabilmente troppo, e consiste nel non tassare i redditi guadagnati, ma i redditi non spesi; Per esempio nel 2010 guadagno 50.000 euro ma ne spendo 40.000 ( chiaramente lo dimostro con scontrini fatture e quant’ altro ) pago le tasse su 10.000 euro, scegliamo una o due tariffe, es. 23% e 33% ma come detto non sul reddito ma su quanto non speso. Perché questo, perché così finalmente impareremo a chiedere lo scontrino e la fattura per l’ intero importo, senza fare strani calcoli di convenienza. Se tutti per esempio chiedessimo la fattura al dentista questi si troverebbe a dichiarare un reddito gigantesco, quindi a sua volta se non volesse pagare una marea di tasse dovrà spendere i suoi guadagni comprando casa o auto o altro, facendo girare l’ economia ….. ecc. ecc. Non so se sto dicendo cavolate o se ho scoperto l’ uovo di Colombo, mi piacerebbe sapere cosa ne pensa. Distinti Saluti