BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ISTAT/ Calano il reddito, il potere d’acquisto e la propensione al risparmio delle famiglie. Redditi mai così bassi dagli anni ‘90

Pubblicazione:giovedì 8 aprile 2010

IstatR375.jpg (Foto)

IL REDDITO DELLE FAMIGLIE E’ IL PIU’ BASSO DAGLI ANNI ’90 - Una pessima notizia per le famiglie italiane. Anche se, in realtà, tutt’altro che inattesa. Il reddito delle famiglie nel 2009 – il reddito disponibile in valori correnti, per la precisione – non è mai stato così basso dagli anni ’90. La colpa, ovviamente, è imputabile alla crisi. Sta di fatto, che il reddito delle famiglie, rispetto al 2008, è diminuito del 2,8 per cento. La diminuzione del reddito delle famiglie è stata comunicata dall'Istat. L’indagine ha interessato le famiglie consumatrici, le famiglie produttrici e le istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie.


Leggi anche: FISCO/ Muraro: ma quale svolta, la riforma di Tremonti non abbasserà le tasse


IL CALO DEL REDDITO DELLE FAMIGLIE NEL QUARTO TRIMESTRE DEL 2009 - In particolare, nel quarto trimestre del 2009, il reddito disponibile delle famiglie è diminuito dello 0,2 per cento in valori correnti rispetto al trimestre precedente. La spesa per i consumi finali, invece, si è ridotta dello 0,1 per cento. Il reddito delle famiglie italiane ha subito un calo del 2,8 per cento su base tendenziale, mentre la spesa è diminuita dell'1,9 per cento.


LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI CRONACA DE ILSUSSIDIARIO.NET

 

IL CALO DEL POTERE D’ACQUISTO DELLE FAMIGLIE – Cala il reddito delle famiglie e - in linea con il calo del reddito – cala anche il potere d’acquisto. Nel quarto trimestre del 2009 il potere d’acquisto delle famiglie, il reddito disponibile in termini reali, è diminuito dello 0,2 per cento rispetto al trimestre precedente e del 2,6 per cento rispetto al 2008.

 

IL CALO DEL TASSO D’INVESTMENTO DELLE FAMIGLIE – E’ calato anche il tasso d’investimento delle famiglie, che nel quarto trimestre si è attestato all'8,8 per cento, con una flessione dello 0,2 per cento rispetto al trimestre precedente e dello 0,7 per cento rispetto al 2008.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >