BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

CRAC GRECIA/ 2. L’operatore finanziario: borse senza futuro, andremo tutti a casa

Come stanno vivendo questi giorni di crisi gli operatori finanziari? Ce lo spiega JAMES CHARLES LIVERMORE da Londra

Foto AnsaFoto Ansa

Per avere un’idea di come ci si senta sui mercati in queste settimane, è necessario un tuffo nel passato. Non occorre avventurarsi troppo lontano: tutto è accaduto in una notte. Mi riferisco alla notte, o magari alla serata, in cui chiunque lavori ancora nella finanza londinese è divenuto familiare con il termine “redundant”.

 

Ridondante è l’eufemismo barocco con cui gli uffici del personale definiscono chi è stato licenziato. Negli ultimi tempi è successo un po’ ovunque. I primi round cominciarono a fine 2007 e da allora la scure delle risorse umane si è abbattuta sulle sale di mercato con frequenza trimestrale fino a buona parte del 2009.

Difficile rientrare in gioco una volta finiti nella rete. Per questo chi è ancora in giro tra i viottoli della city ha quell’entusiasmo, per certi versi inappropriato, del sopravvissuto. Chi è ancora qui, insomma, della redundancy ha conosciuto solo la procedura iniziale, quell’annuncio dato al centro della sala con il capo in piedi su una scrivania, mentre sul piano cala un silenzio irreale.

Poi la corsa al computer per aggiornare le mail, con il fiato sospeso fino a quando il vicino si mette le mani nei capelli e tu capisci che l’hai scampata ancora una volta. Di cosa succede al redundant, da quando è invitato a uscire dalla sala, noi sopravvissuti ne sappiamo poco. A un certo punto, però, tutto diventa terribilmente reale. Succede quella sera in cui un superstite si reca al pub per un boccone in compagnia e l’amico a bruciapelo annuncia: “Mi hanno fatto redundant”. È inutile girarci troppo intorno: sarà una serata di addio.

Nelle ultime settimane la crisi ha raggiunto le dimensioni planetarie che molti temevano essere dietro l’angolo. Storie come quelle dei miei amici passano in sordina, come in fondo è inevitabile. Si tratta di ragazzi arrivati dalle Americhe, dall’emisfero australe, dai quattro angoli dell’Europa e dal levante mediterraneo, tutti approdati a Londra con una sana dose di ambizione e una gran voglia di bruciare le tappe.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA >> QUI SOTTO


COMMENTI
14/05/2010 - redundants (Diego Perna)

Reduntants, in un sistema economico a cui non avremmo mai dovuto dare troppo credito, già da molto tempo, saranno in primis gli insegnanti, i lavoratori pubblici in genere, gli imprenditori e anche i loro dipendenti.E' proprio di questo modello economico, e anche se capisco che sin'ora ha funzionato per il mondo occidentale, capace di sfruttare tutto ciò che ha incontrato nel suo cammino, causando un forte deterioramento del sistema ecologico, penso al petrolio della BP, multinazionale multimiliardaria, oggi secondo me è obsoleto, perché ancora crede in se stesso in una maniera incomprensibile per voler usare un eufemismo, visto che non funziona più ed ha causato e causa sofferenza a gran parte degli abitanti di questo mondo. Dobbiamo avere l'onestà di capire che non possiamo ancora illuderci di continuare così, cercando di limitare le perdite come si fa in una guerra che nessuno avrebbe mai deciso di cominciare. Grazie e buona giornata