BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Quell’accademia che “insegna” a trovare lavoro

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Questa percezione è cominciata a esserci già da qualche anno ed è stata particolarmente acuita dalla crisi. Diciamo che si sta incominciando a capire che più che di posto fisso c’è necessità di impiegabilità, cioè di pensarsi come una persona che può essere impiegata, perché ha delle competenze, in maniera continua anche in aziende e posti di lavoro diversi. Questa è stata anche per noi una sfida al cambiamento, perché ha voluto dire mettersi al servizio di questa realtà dei fatti, anziché cercare la via più breve e magari spesso più profittevole del “mordi e fuggi”.

 

Questa nuova sfida, questi nuovi strumenti che state proponendo e approfondendo richiedono senz’altro un cambiamento culturale. Il nostro paese è pronto?

 

Le resistenze ci sono. Ma la recente crisi ha costretto tutti a guardare con attenzione la realtà. Il sindacato comincia già a vedere con favore lo strumento della continuità professionale. In generale, comunque, c’è sempre meno la tentazione ideologica di mantenersi ancorati agli strumenti già noti. E ce ne sarà sempre meno quando, con i dati alla mano raccolti dall’area ricerca della Gi Group Academy, dimostreremo che quelli nuovi funzionano.

© Riproduzione Riservata.