BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRAC GRECIA/ Il consulente finanziario: la borsa crolla? È il momento giusto per investire...

Pubblicazione:mercoledì 26 maggio 2010

Foto Fotolia Foto Fotolia

Per entrare più nel merito degli strumenti di cui stiamo parlando, vorrei anticipare i vantaggi concreti di tali innovazioni in una situazione difficile come quella attuale. Oggi, oltretutto e finalmente, anche il singolo risparmiatore può apprezzarli, usufruendo di un servizio che normalmente è destinato esclusivamente alla tesoreria delle banche e delle assicurazioni.

 

Le soluzioni adottate dal team di una società indipendente di gestione sono in grado di sostituire il debito sia governativo sia bancario con strumenti che ne sintetizzano il comportamento, con una quota ridotta del debito di alta qualità e con azioni o materie prime (che rappresentano l’economia e i beni reali) gestite con tecniche innovative e con controllo rigoroso della volatilità.

 

L’investimento in obbligazioni e titoli di stato tradizionalmente rappresenta il cassetto mentale “sicurezza”. Le statistiche ci dicono che, normalmente, i risparmiatori sono disposti a investire in tale cassetto dal 70% fino addirittura al 100% del proprio portafoglio. L’investimento in azioni e beni dell’economia reale rappresenta invece, tipicamente, il cassetto mentale “rischio”. I risparmiatori sono disposti a investire in tale cassetto al massimo un 30-40% del proprio portafoglio. Oggi abbiamo la dimostrazione che il rischio può stare anche nel debito.

 

Forte controllo della volatilità (e quindi del rischio) con stop loss su molti prodotti e con l’utilizzo di strumenti a copertura per ridurre il rischio credito (oggi molto attuale), sono i punti fermi di una gestione attiva che può ottenere performance indipendentemente dai mercati.

 

La diversificazione per stili, mercati e valute per ridurre il rischio è ancor più apprezzabile se l’innovazione, la consulenza specializzata, l’attenta gestione e una strategia chiara di controllo del rischio, sono stati offerti dai partner di una società che ha sempre messo al riparo i propri clienti dagli scandali passati (Parmalat, Cirio, Giacomelli, bond argentini, mutui subprime americani e Lehman Brothers) e dai prodotti di ingegneria finanziaria come i prodotti strutturati o i prodotti a capitale garantito e oggi, con assoluta trasparenza, può dimostrare che nessuno dei suoi prodotti detiene titoli greci o portoghesi.

 

In conclusione, spero che la mia affermazione, con la quale ho titolato il mio intervento, non sia giudicata come quella di un pazzo, ma che possa almeno provocare un’attenta riflessione e motivare a cercarsi presto un consulente.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.