BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRAC GRECIA/ Rapporto debito/Pil dell’Italia sopra il 118% nel 2010. Sale anche il disavanzo pubblico

Pubblicazione:mercoledì 5 maggio 2010

Italia_lente_ingrandimentoR375_22ott08.jpg (Foto)

CRAC GRECIA - Rapporto debito/Pil dell’Italia sopra il 118% nel 2010 - La commissione europea ha comunicato oggi le sue previsioni riguardo l’andamento dell’economia italiana per il 2010-2011. Il Pil crescerà dello 0,8% quest’anno, per attestarsi, a politiche invariate, al +1,4% nel 2011. I dati precedentemente comunicati dall’Italia a Bruxelles parlavano di una crescita dell’1,1% nel 2010 e del 2% nel 2011.

Secondo le previsioni Ue, l’Italia, sostenuta soprattutto dai consumi privati e dall'export, segnerà quindi una ripresa che va rafforzandosi lentamente. I valori, segnala la Commissione Ue, sono “ampiamente in linea con la media della zona euro”.

Per quanto riguarda i conti pubblici, Bruxelles segnala che il governo italiano ha perseguito una politica di bilancio accorta, tenendo conto delle fragili finanze pubbliche. La Commissione Ue prevede che il rapporto debito pubblico/Pil, dal 115,8% del 2009, salga al 118,2% nel 2010, salendo, a politiche invariate, al 118,9% nel 2011.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SUI CONTI PUBBLICI DELL’ITALIA CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >