BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 1. Pelanda: i 50 miliardi che tolgono il sonno a Tremonti

Pubblicazione:

Il Parlamento tedesco (Imagoeconomica)  Il Parlamento tedesco (Imagoeconomica)

 

La Francia ha annunciato qualcosa di simile e sta studiando il meccanismo istituzionale per arrivarci. L’Italia, se non vuole uscire dall’euro e rischiare l’insolvenza del suo debito, dovrà fare lo stesso. Significa, con una prima stima ad occhio, dover tagliare in 5 anni dai 50 ai 60 miliardi di spesa pubblica per arrivare al pareggio di bilancio, cioè ridurre a zero o quasi il deficit pubblico annuo, in modo da contenere l’aumento del debito complessivo.

 

 

Tale nuovo requisito sostituirà il vecchio europarametro che ammetteva un deficit fino al 3% del Pil (cioè 45 miliardi circa). Un taglio del genere in cinque o sei anni implica una tale riduzione dei costi pubblici da indurre una modifica del modello di Stato sociale con apparati amministrativi di grande volume. Se la crescita del Pil aumenterà oltre le attese e l’inflazione resterà bassa, allora l’impatto sarà più morbido, ma non al punto da modificare la necessità di cambio del modello. Inoltre il rigore senza crescita non basterà e la seconda è ottenibile solo tagliando le tasse, requisito che aumenterà il volume dei tagli strutturali sopra ipotizzati. Questo è lo scenario che la politica dovrà affrontare nei prossimi 5 anni.

 

Ma sia in Italia sia nell’Eurozona non è pronta a cambiare modello. Prova ne è che i tagli finora intervenuti, e quelli in corso, cercano di mantenere il vecchio modello finanziandolo di meno e aumentando le tasse o non riducendole. Così si arriva all’assurdo di ridurre le garanzie per i bisognosi, mantenere i costi inutili degli apparati e comprimere la crescita del Pil. Per un po’ tale politica, se sostenuta da più crescita trainata dall’export grazie alla svalutazione dell’euro, potrà tenere, ma ad un certo punto esploderà il problema che lo Stato sociale non potrà essere ridotto senza essere ridisegnato.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER PROSEGUIRE LA LETTURA DELL'ARTICOLO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
03/06/2010 - seppelliti dai debiti (celestino ferraro)

Finché i Fini, i Casini, i Tabacci, i La Malfa, i Bersani, i Letta Enrico, I Cesa, i Bottiglioni, i Franceschini, i Veltroni, i Baldassarre, ecc ecc, occuperanno la scena italica, siamo destinati a soccombere. Abbiamo bisogno di rigore, morale e materiale, ma non pare che Berlusconi se ne renda conto. Direi che non gliene si può fare una colpa, oppresso da una caterva di processi che dovrebbero mandarlo in galera per fare spazio a quelli di "Repubblica" (Carletto & C)gente illibata. Non ha la tranquillità d'animo di poter dare il meglio di sé. Se poi ci mettiamo qualche Daddario + qualche Noemei + qualche Veronica, allora la frittata è fatta e anche la crostata.

 
02/06/2010 - Una riforma strutturale dello Stato Italiano (Elio Campagna)

Non posso che esprimere il mio accordo ad una visione virtuosa dello Stato e penso che occorra un nuovo e più efficiente disegno strutturale dello Stato stesso. Penso ai Comuni e ai Consorzi dei Piccoli Comuni. Penso alla radiazione delle Province tutte. Penso a ridisegnare completamente le Regioni che dovranno essere dei Dipartimenti Regionali omogenei (cosa c'entra Pavia con Sondrio?). Penso a questi Dipartimenti (da non confondere con le Regioni storiche che esisteranno nella Storia ma non nell'amministrazione pubblica) come tutti ad autonomia federata, quindi non esisteranno quelli Speciali... saranno tutti "Speciali". Penso ad un Parlamento dimezzato nelle dimensioni e negli onorari. Una Camera del Senato ed una dei Dipartimenti (gli stessi componenti che avrebbero voce sul territorio e poi a Roma). Penso ad altre cose, ma non vorrei annoiare con queste mie idee. Potrei scrivere un libro! Spero siano solo uno stimolo a pensare al Futuro ed alla voglia di cambiamento che tutti noi vogliamo ed esigiamo dalla Classe dirigente.

 
01/06/2010 - Welfare: ritorno al futuro (Paolo Piva)

Concordo con Pelanda: la riforma del welfare, davvero inevitabile e urgente, deve non solo avere il coraggio di cambiare il vecchio sistema, ma anche ispirarsi a un nuovo modello di “stato sociale” adeguato ai tempi. Secondo me, questo modello dovrebbe essere incentrato sulla famiglia, che storicamente ha sempre sostenuto i costi imposti dall’alto dalla politica e dalla finanza, garantendo la continuazione della società; mi sembra arrivato il momento di riconoscere il suo ruolo di protagonista, mettendola alla base di un nuovo modello di welfare fondato sui suoi valori tipici: la sobrietà e la solidarietà. A questo proposito, suggerisco di leggere una lettera inviata domenica dallo scrittore Guido Copes ai membri del gruppo di Facebook “Quelli che non si vergognano di Gesù Cristo”, che ho pubblicato qui: http://www.facebook.com/topic.php?uid=51724666648&topic=14384