BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ 1. Pelanda: i 50 miliardi che tolgono il sonno a Tremonti

Il professor CARLO PELANDA parla del costo del welfare europeo, della lotta agli sprechi e delle diminuite potenzialità dei mercati: cosa succederà all'Italia e all'Europa?

Il Parlamento tedesco (Imagoeconomica) Il Parlamento tedesco (Imagoeconomica)

E’ in atto un cambiamento epocale di cui tutti dovrebbero rendersi conto e molti ancora sono in ritardo. Il fatto che i mercati non siano più disposti a rifinanziare il debito delle euronazioni se queste non dimostrano la capacità di contenerlo e poi ridurlo, chiude una stagione storica del modello di welfare europeo: nel futuro non sarà più possibile finanziare in deficit gli apparati enormi e le garanzie generose dello Stato sociale.

Il taglio, in Italia, di 24 miliardi di spesa pubblica nel prossimo biennio è solo l’inizio di un processo di riequilibrio dettato dalla necessità di mostrare subito ai mercati che l’Italia è capace di rigore e di perseguirlo nonostante le ovvie proteste degli interessi colpiti. In caso contrario l’Italia verrebbe messa nella lista dei Paesi a debito insostenibile. Ma, finita questa emergenza contingente, poi l’Italia dovrà mostrarsi capace di rispettare Il nuovo requisito europeo del “bilancio in pareggio”.

Già nel 2009 la Germania ha messo in Costituzione tale obbligo, dal 2016 per il livello federale e dal 2020 per le istituzioni locali. Per arrivarci dovrà tagliare circa dieci miliardi di spesa strutturale ogni anno ed il governo Merkel ha confermato tale intento.


COMMENTI
03/06/2010 - seppelliti dai debiti (celestino ferraro)

Finché i Fini, i Casini, i Tabacci, i La Malfa, i Bersani, i Letta Enrico, I Cesa, i Bottiglioni, i Franceschini, i Veltroni, i Baldassarre, ecc ecc, occuperanno la scena italica, siamo destinati a soccombere. Abbiamo bisogno di rigore, morale e materiale, ma non pare che Berlusconi se ne renda conto. Direi che non gliene si può fare una colpa, oppresso da una caterva di processi che dovrebbero mandarlo in galera per fare spazio a quelli di "Repubblica" (Carletto & C)gente illibata. Non ha la tranquillità d'animo di poter dare il meglio di sé. Se poi ci mettiamo qualche Daddario + qualche Noemei + qualche Veronica, allora la frittata è fatta e anche la crostata.

 
02/06/2010 - Una riforma strutturale dello Stato Italiano (Elio Campagna)

Non posso che esprimere il mio accordo ad una visione virtuosa dello Stato e penso che occorra un nuovo e più efficiente disegno strutturale dello Stato stesso. Penso ai Comuni e ai Consorzi dei Piccoli Comuni. Penso alla radiazione delle Province tutte. Penso a ridisegnare completamente le Regioni che dovranno essere dei Dipartimenti Regionali omogenei (cosa c'entra Pavia con Sondrio?). Penso a questi Dipartimenti (da non confondere con le Regioni storiche che esisteranno nella Storia ma non nell'amministrazione pubblica) come tutti ad autonomia federata, quindi non esisteranno quelli Speciali... saranno tutti "Speciali". Penso ad un Parlamento dimezzato nelle dimensioni e negli onorari. Una Camera del Senato ed una dei Dipartimenti (gli stessi componenti che avrebbero voce sul territorio e poi a Roma). Penso ad altre cose, ma non vorrei annoiare con queste mie idee. Potrei scrivere un libro! Spero siano solo uno stimolo a pensare al Futuro ed alla voglia di cambiamento che tutti noi vogliamo ed esigiamo dalla Classe dirigente.

 
01/06/2010 - Welfare: ritorno al futuro (Paolo Piva)

Concordo con Pelanda: la riforma del welfare, davvero inevitabile e urgente, deve non solo avere il coraggio di cambiare il vecchio sistema, ma anche ispirarsi a un nuovo modello di “stato sociale” adeguato ai tempi. Secondo me, questo modello dovrebbe essere incentrato sulla famiglia, che storicamente ha sempre sostenuto i costi imposti dall’alto dalla politica e dalla finanza, garantendo la continuazione della società; mi sembra arrivato il momento di riconoscere il suo ruolo di protagonista, mettendola alla base di un nuovo modello di welfare fondato sui suoi valori tipici: la sobrietà e la solidarietà. A questo proposito, suggerisco di leggere una lettera inviata domenica dallo scrittore Guido Copes ai membri del gruppo di Facebook “Quelli che non si vergognano di Gesù Cristo”, che ho pubblicato qui: http://www.facebook.com/topic.php?uid=51724666648&topic=14384