BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BORSA/ Indicazioni e analisi tecnica dei mercati al 19 luglio 2010

Venerdì i mercati sono stati capaci di rimangiarsi i guadagni portati avanti con vigore durante la settimana

Orso_Toro_ManagerR375.jpg (Foto)

Venerdì i mercati sono stati capaci di rimangiarsi i guadagni portati avanti con vigore durante la settimana. L’approvazione da parte del congresso americano della riforma del sistema finanziario, legata soprattutto a nuove regolamentazioni per il trading sui derivati, non è piaciuta al mercato.

 

Anche se tra i dati macro spiccavano buone notizie dal mercato del lavoro (le richieste di sussidi alla disoccupazione sono diminuite a 429.000 unità nell’ultima settimana, in misura superiore alle 453.000 attese) e relativamente alla produzione industriale, cresciuta dello 0,1% a giugno a fronte di attese per una variazione nulla, hanno deluso i prezzi alla produzione che sempre a giugno sono diminuiti dello 0,5%, ben oltre il -0,1% del consensus.

 

Si sono rivelate negative anche le indicazioni giunte dal settore manifatturiero, con l’indice New York Empire State Manufacturing crollato nel mese di luglio a 5,08 punti dai 19,57 del mese precedente (consensus a 18,2 punti) il Philadelphia Fed sceso nello stesso periodo a 5,1 punti dagli 8 di giugno, deludendo le previsioni degli analisti che si attendevano invece un incremento a 10 punti.

 

NASDAQ

Nel lungo periodo il listino tecnologico fa notare tutte le sue debolezze rispetto al trend positivo dell’ultimo anno. Il testa e spalle che tutti abbiamo visto formarsi tra gennaio e giugno 2010, con relativo indebolimento dell’OBV(On Balance Volume), prezzi sotto le MM20 e MM50, MACD in posizione short da un paio di mesi, stocastico vicino area 20, ci fanno stare col fiato sospeso e magari pronti a prendere posizione short nel caso dovessero i prezzi violare il forte supporto statico in area 1,700 punti. Al contrario su superamento di 1,900 punti vedremmo come obiettivo long area 2,200.

 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO