BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ La mossa di Obama e la tutela del risparmio da far ripartire anche in Italia

Pubblicazione:domenica 25 luglio 2010

M. Draghi e G. Tremonti (Imagoeconomica) M. Draghi e G. Tremonti (Imagoeconomica)

 

Gli italiani non hanno certo dimenticato la provocazione di Tremonti, poi tradotta dal governo “Berlusconi 2” nelle legge 262 del 2005, testualmente battezzata “per la tutela del risparmio”. Una legge che, tuttavia, è rimasta inequivocabilmente incompiuta se - nel sondaggio Ipsos (pagine 4-5) - il 62% del campione giudica «poco» o «per nulla» efficaci i sistemi di controllo sull’industria del risparmio. È vero che negli ultimi mille giorni l’intero sistema finanziario globale è stato disastrato. Ma che dire egualmente di una Consob - a suo tempo candidata a super-authority dei mercati - tuttora “ignota” al 46% degli interpellati dall’Ipsos? Come pretendere di rilanciare la previdenza integrativa se il 73% del campione “non indica/non conosce” la Covip, ente vigilante sui fondi pensione? Il corollario, in ogni caso, è scontato: il 60% dei contatti Ipsos è pessimista sul fatto che la situazione migliori (o anche solo non peggiori) nel prossimo quinquennio. E pone nuovamente in cima ai propri protettori il «governo»: quello «stato» che in molti altri paesi ha salvato di peso le banche sull’orlo del fallimento. Di un quarto di secolo “rivoluzionario” nei mercati finanziari in apparenza è rimasto poco.

 

Dall’albero scosso da Tremonti, tuttavia, qualche buon frutto è caduto. Lo storico primato della Banca d’Italia come “watchdog” riconosciuto appare ripristinato dall’arrivo di Mario Draghi: il cui ruolo è stato ridefinito in termini di “accountability” proprio dalla legge 262, che non ha intaccato l’autonomia. E se il sistema creditizio italiano non è crollato come altri lo si deve anche alla “nuova” Banca d’Italia. Cinque anni fa, d’altronde, l’Antitrust era pressoché sconosciuto al mondo del risparmio. L’averlo fatto entrare nel “laboratorio vigilanza finanziaria” - tra le riserve e i sospetti dei fan di Via Nazionale - non è stata una cattiva idea se a metà 2010 è la seconda authority “preferita” dai pur scettici risparmiatori italiani: evidentemente convinti che il garante della concorrenza immetta anche dosi di tutela del risparmio. Dalla Consob, invece, ci si attende chiaramente di più: molto di più. Come dalle due authority in campo assicurativo e previdenziale: Isvap e Covip.

 

(Tratto da Plus 24 del 24 luglio 2010)

 

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.