BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 2. Altro che stress test, c'è una nuova sfida per le banche italiane

Venerdì scorso sono stati resi noti i risultati degli stress test condotti sulle banche europee. Tuttavia, spiega JAMES CHARLES LIVERMORE, ci sono altre sfide in corso per le banche

Foto Fotolia Foto Fotolia

Dopo giorni di attesa febbrile, i risultati dello stress test, pubblicati venerdì scorso, hanno dichiarato lo scampato pericolo. Quasi in contemporanea, il comitato di Basilea ha divulgato le prime indicazioni sul prossimo accordo di Basilea 3, lasciando intravedere una legislazione bancaria sui requisiti patrimoniali ben più blanda di quanto i mercati si attendessero.

 

Per celebrare la doppia sorpresa, gli operatori hanno aperto la settimana con un balzo in avanti sui titoli finanziari, banche in testa. Tuttavia, sulla tenuta di tanto entusiasmo è inutile farsi troppe illusioni: complice il clima vacanziero, difficilmente l’exploit di questi giorni lascerà il segno.

 

C’è un aspetto su cui in ogni caso vale la pena soffermarsi: per quanto effimero, questo entusiasmo sembra celare un suo rovescio tragico, una sorta di obbligo all’euforia, nonostante gli elementi forniti dallo stress test e dal comitato di Basilea non concedano troppi appigli all’ottimismo.

 

Sebbene il test non sia stato un insuccesso, definirlo un successo a pieno titolo sarebbe troppo generoso. Mostrandosi giudice fin troppo clemente, il Cebs - il comitato promotore del test - ha lasciato i mercati indifferenti ai risultati. E sul fronte regolamentare, neppure Basilea 3 lascia tirare un sospiro di sollievo: l’impostazione, per quanto meno rigorosa, resta inflessibile su metodi e criteri di applicazione.

 

Insomma si direbbe che il pericolo, più che scampato, sia solo rinviato. E per quanto i mercati cerchino di pensare ad altro, la questione fondamentale prima o poi dovrà essere affrontata: il modo di fare banca ha bisogno di un cambiamento strutturale.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO