BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ I rischi dei nuovi derivati che ingolosiscono le banche

Pubblicazione:

Foto Fotolia  Foto Fotolia

La crisi fu risolta dallo shogunato con mezzi drastici: divieto assoluto di derivati e regole più rigide per il commercio del riso. È difficile affermarlo con precisione, ma secondo alcune ricerche storiche il mercato riprese vigore, sebbene le oscillazioni che in precedenza erano assorbite dalla forte volatilità dei future, restarono incorporate nel prezzo del riso. Insomma, messi al bando gli speculatori, per i coltivatori non fu più possibile eliminare il rischio di una cattiva stagione.

 

E le banche? Saranno capaci di sostenere il rischio di un ciclo negativo o torneranno a fare incetta di derivati? E i derivati sono davvero l’anima nera della finanza? Questi interrogativi ci devono spingere a seguire con massima attenzione la congiuntura economica che stiamo attraversando. Una prima risposta si dovrà cercare nei bilanci delle banche dove nei prossimi mesi i volumi di debito, aiutati dallo scarso costo del denaro, sono destinati a crescere.

 

Resta il rompicapo sulla crisi: ne siamo usciti? Difficile azzardare una riposta. Di certo, per rispondere in modo affermativo sarà necessario che i bilanci delle banche non si trasformino in una trimestrale di enigmistica.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.