BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI/ Pelanda: c’è una riforma "tedesca" che farebbe bene all’Italia

Pubblicazione:lunedì 30 agosto 2010

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

La ripresa dopo la recessione 2008-2009 resta lenta. Si sperava, in primavera, che la sua accelerazione in America aumentasse di più i volumi della domanda globale e quindi, indirettamente, le nostre esportazioni. Ma l’economia americana è ancora in riparazione e gli stimoli economici dell’Amministrazione Obama sono stati mal indirizzati, non sortendo grandi effetti e ci vorranno un anno o due prima che locomotiva americana corra. Da noi la stagione turistica è andata così e così.

 

In sintesi, il traino esterno e quello stagionale per la crescita italiana non sono così forti da farci sperare di finire l’anno con un incremento del Pil superiore all’1%. E potrebbe essere qualcosa di meno. Da un lato, tale proiezione non deve indurre pessimismo perché comunque la ripresa, lenta che sia, c’è. In particolare, il sistema industriale italiano resta vitale e la crescita quasi a boom della produzione industriale nei mesi scorsi lo dimostra. Dall’altro non è rassicurante l’immagine di un’economia che cresce così poco dopo aver perso ben il 6% del Pil nella crisi. Evidentemente il mercato interno è troppo rigido per fare una buona crescita propria e integrare quella trainata dall’esterno, così rendendoci un po’ meno dipendenti dall’aleatorietà della seconda. Infatti si sta avvicinando il momento in cui non sarà più rimandabile la riconfigurazione sostanziale del modello economico italiano per dargli più capacità di far crescere consumi ed investimenti interni.   

 

I consumi sono stagnanti perché i salari sono troppo bassi e tassati ed i redditi da lavoro indipendente non trovano molte opportunità per moltiplicarsi. Gli investimenti sono meno di quello che potrebbero essere perché disincentivati dalle tasse e dalle regolazioni eccessive, in particolare del mercato del lavoro. Gli investimenti dall’estero sono minimi perché troppe altre nazioni offrono condizioni sistemiche migliori ad un investitore.

 

Clicca >> qui sotto per continuare l'articolo

 

 


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
30/08/2010 - continua (giorgio cordiero)

...Indirizzandoli verso gli ammortizzatori sociali...tutto ciò eè fondamentalmente sbagliato e rende la coperta semre più corta. Il rilancio economico deve partire da una profoda e consapevole rivoluzione culturale che deve cominciare con la presa di coscienza della base (che vota). Ci vorrà tempo,ma quelche cosa già si muove.

 
30/08/2010 - germania /italia (solo in uno stadio) (giorgio cordiero)

Le differenze culturali tra l'italianità e la germanità sono storicamente enormi e tali rimangono. Una prima considerazione: occorre fare molta attezione a non cadere nell'errore del Giappone che ha subito (e subisce ancora) una crisi ventennale da quando ha deciso di svalutare la propria moneta,nonchè di bloccare i salari , condendo il tutto con una politica monetaria a tasso zero. Questo avrebbe dovuto servire per sviluppare la produttività interna che sarebbe aumentata solo grazie all'export, ma i consumi interni sono rimasti al palo ed i mercati finanziari pure...tutto ciò si è tradotto in una stagflazione perenne e la produttività interna non basta da sola, poichè è solo una delle componenti del pil. Vero è che in Italia i salari rimangono più bassi che non in Germania , ma ciò non è dovuto solo al fatto che i primi siano più tassati, ma in primo luogo devono la loro differenza negativa alla minor produttività che in Italia è divenuta cronica. Altro grande ostacolo è quello politico/sociale: qui conta solo il "cadreghino" , contano cioè i calcoli fatti sui voti, quindi continuiamo con la politica degli stipendifici (pubblici e privati). In periodi di crisi occorre poi sviluppare il concetto di riqualificazione del personale e ciò può avvenire molto bene con una seria politioca di formazione. Il modello italiano, affidato alle regioni ed ai privati con le agenzie formative è valido, ma i controlli sono "farseschi", inoltre alcune regioni hanno dirottato i finanziamenti.