BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CRISI/ Pelanda: c’è una riforma "tedesca" che farebbe bene all’Italia

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

 

È ovvio che queste condizioni, combinate con una demografia stagnante, rendono tendenzialmente decrescente la creazione di ricchezza nel mercato interno. Finora tale problema è stato compensato con l’export e aumentando il debito pubblico. Ma la seconda cosa si potrà fare sempre di meno, visto il nuovo requisito delle euronazioni di raggiungere la condizione di pareggio di bilancio, cioè di deficit zero, e la prima dipende troppo dalle contingenze del mercato mondiale.

 

Pertanto appare ben motivato avvertire che o l’Italia sarà in grado di riqualificare il proprio modello economico per renderlo più crescente e competitivo, oppure resterà intrappolata in un processo di perdita progressiva della ricchezza. I cambiamenti da fare non sono né piccoli né indolori. Una riduzione efficace, in senso stimolativo, delle tasse implica un forte taglio alla spesa pubblica e quindi delle situazioni protette finanziate dai denari fiscali. Uno dei più importanti incentivi per gli investimenti è quello di rendere flessibile il mercato del lavoro. Per esempio, negli anni ’90 la Germania permise alle imprese di licenziare il personale in eccesso, rendendole così più produttive, caricando sul bilancio dello Stato l’onere di finanziare i disoccupati. Fu una scelta che rafforzò il sistema industriale tedesco ed allo stesso tempo non ridusse le garanzie economiche della popolazione. L’Italia, che protegge il posto del lavoro indipendentemente dalle necessità dell’impresa, dovrebbe imitarla.

In conclusione, ci sono idee tecniche ed esempi su cui basare un progetto di riqualificazione dell’economia italiana, ma manca ancora una politica che lo metta in priorità come dovrebbe.

 

www.carlopelanda.com

 

 

 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
30/08/2010 - continua (giorgio cordiero)

...Indirizzandoli verso gli ammortizzatori sociali...tutto ciò eè fondamentalmente sbagliato e rende la coperta semre più corta. Il rilancio economico deve partire da una profoda e consapevole rivoluzione culturale che deve cominciare con la presa di coscienza della base (che vota). Ci vorrà tempo,ma quelche cosa già si muove.

 
30/08/2010 - germania /italia (solo in uno stadio) (giorgio cordiero)

Le differenze culturali tra l'italianità e la germanità sono storicamente enormi e tali rimangono. Una prima considerazione: occorre fare molta attezione a non cadere nell'errore del Giappone che ha subito (e subisce ancora) una crisi ventennale da quando ha deciso di svalutare la propria moneta,nonchè di bloccare i salari , condendo il tutto con una politica monetaria a tasso zero. Questo avrebbe dovuto servire per sviluppare la produttività interna che sarebbe aumentata solo grazie all'export, ma i consumi interni sono rimasti al palo ed i mercati finanziari pure...tutto ciò si è tradotto in una stagflazione perenne e la produttività interna non basta da sola, poichè è solo una delle componenti del pil. Vero è che in Italia i salari rimangono più bassi che non in Germania , ma ciò non è dovuto solo al fatto che i primi siano più tassati, ma in primo luogo devono la loro differenza negativa alla minor produttività che in Italia è divenuta cronica. Altro grande ostacolo è quello politico/sociale: qui conta solo il "cadreghino" , contano cioè i calcoli fatti sui voti, quindi continuiamo con la politica degli stipendifici (pubblici e privati). In periodi di crisi occorre poi sviluppare il concetto di riqualificazione del personale e ciò può avvenire molto bene con una seria politioca di formazione. Il modello italiano, affidato alle regioni ed ai privati con le agenzie formative è valido, ma i controlli sono "farseschi", inoltre alcune regioni hanno dirottato i finanziamenti.