BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNICREDIT/ Gli “errori” che hanno affossato il modello Profumo

Pubblicazione:martedì 21 settembre 2010

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Coerente con la sua visione di tenere distante la banca dalla politica, Profumo ha rifiutato fieramente i “Tremonti bond” per ricapitalizzare la banca. Ma mentre chiedeva uno sforzo ai grandi soci per difendersi da una nuova “invasione statalista”, domandava per lo scandalo di Banca Medici (affare Madoff) un intervento del governo austriaco.

 

La sostanza è che l’amministratore delegato di una banca che, dopo la fusione con Capitalia, capitalizzava 80 miliardi di euro, viveva di grande espansione di modelli anglosassoni applicati, non ha compreso che una stagione è cambiata, che proprio quel metodo di cui lui era un alfiere è sotto accusa e che l’efficientismo e il luccichio dei bilanci va bene in periodi di “vacche grasse”. Poi, quando le cose vanno male, anche gli estimatori di un tempo ti rinfacciano tutto.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
21/09/2010 - i clienti di Profumo (giorgio cordiero)

Premesso Che Alessandro Profumo arrivò giovanissimo alla direzione dell'allora Credito Italiano a Torino e che tutti si chiesero come mai questo "ragazzo" fosse destinato ad una carriera fulminea...sono certo che le doti dell'uomo fossero note fin dal primo istante...Qualche mese dopo divento capo area e poi...sempre più in alto. Un uomo azienda che per l'azienda ha dato molto e che per rispondere ai suoi clienti, cioè gli azionisti, ha finito con il perdere di vista il suo mestiere originale, la sua mission anche sociale. Il banchiere infatti (bene inteso non parlo solo di lui) dovrebbe prima di tutto curare gli interessi ed i risparmi dei clienti che si recano negli sportelli, o dovrabbe cercare in tutti i modi di favorire le imprese che alla sua banca si rivolgono per chiedere prestiti...Visione ormai semplicistica e superata. Nella realtà il banchiere (pur sempre un lavoratore dipendente anche se stra pagato) cura solo più gli interessi dell'azionista ed è proprio quell'azionista che oggi lo sta liquidando.Sono certo che l'uomo si solleverà molto presto e bene, ma dovrà fare una riflessione sul significato del suo mestiere...un po' meno manager e un po' piu uomo.Auguri di cuore...con stima