BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Ecco come cambia il sistema bancario dopo le dimissioni di Profumo

Pubblicazione:mercoledì 22 settembre 2010

Alessandro Profumo (Foto Imagoeconomica) Alessandro Profumo (Foto Imagoeconomica)

Profumo ha usato i libici per salvare la propria poltrona. A parte che anche Rampl risulta informato degli acquisti realizzati anche attraverso i broker di Unicredit, a parte che per la banca di Tripoli ha continuato a garantire Geronzi (“i migliori soci che abbia avuto”, ha detto non più tardi del 25 agosto al Meeting di Rimini), l’amministratore delegato ha provato il vecchio gioco del divide et impera.

 

Risultato che lui è uscito, i libici restano contenti più che mai del loro investimento e ben coperti dalla politica italiana che non vuole (forse non può) rinunciare a loro. Adesso tocca a Rampl fare da arbitro e ago nel bilancino del potere. Fino a quando? Lui non ha soldi, le fondazioni neppure e ne riceveranno sempre meno sottoforma di dividendi. Le banche italiane hanno bisogno di rafforzarsi e dovranno aprire il capitale a nuovi soci. E, per quanto sistemica, per quanto troppo grande per fallire, oltre un certo limite anche l’azienda bancaria non sfugge alla legge bronzea del capitale: comanda chi paga.

 

Tra i pochi che hanno i quattrini ci sono le Assicurazioni Generali e adesso torna in ballo l’ipotesi di una loro fusione con Mediobanca per creare una potente concentrazione finanziaria e mediatica (controllerebbe il Corriere della Sera). Prospettiva alla quale era contrario Profumo. Di qui la sua defenestrazione. Se ne parla da tempo, troppo tempo.

 

Con Geronzi a Mediobanca e prima di Geronzi. Ci ha provato Cuccia in più occasioni. E’ un vecchio sogno. Ma con un’economia integrata e internazionale come quella odierna, trasformare Generali in una cassaforte del potere politico italiano, significa renderla irrilevante sulla scena mondiale. Anche questo, in fondo, è un segno di debolezza.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.