BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Così le banche popolari possono aiutare imprese e famiglie

operaio_industria1R375.jpg (Foto)

Ciò spiega come sia stato possibile per le Banche Popolari sviluppare nel corso del 2009 una dinamica degli impieghi con tassi di crescita tre volte superiore alla media, mantenendo costantemente più contenuti i tassi per i prestiti alle imprese (in particolare per le PMI) e per i mutui alle famiglie. La politica perseguita dalle Banche Popolari ha permesso di coniugare nel modo migliore sostegno al territorio e solidità patrimoniale, dimostrando come sia possibile operare nelle economie locali ed essere parte attiva dello sviluppo sociale ed economico dell’area senza necessariamente venire meno a quelli che sono i doveri della banca verso i propri Stakeholders.


Una conclusione, questa, condivisa anche in ambito politico, istituzionale e finanziario e confermata dai risultati dello stress-test compiuto su numerose banche europee e resi noti dal Comitato europeo dei supervisori bancari (CEBS) che hanno sottolineano la vitalità e la forza della Cooperazione Bancaria e, in particolare, delle Banche Popolari italiane.


L’aspettativa di tutti coloro che sono consapevoli della ricchezza che il patrimonio di relazioni e conoscenze sviluppato in oltre un secolo e mezzo tra banche del territorio e comunità locali ancora oggi rappresenta per ognuno di noi, è che questo non venga disperso, inaridito o snaturato per effetto di schemi e misure, la cui applicazione globale mal si adatta alle specificità presenti in numerose economie e nella società, e che le necessità e le aspirazioni provenienti da tutti coloro che quotidianamente operano sul territorio possano essere a pieno titolo parte integrante di un progetto di crescita economico ma anche sociale condiviso.

© Riproduzione Riservata.