BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTERA/ Senza visione strategica il futuro dell'Italia sarà solo un sogno

Pubblicazione:

raffaello_scuola-ateneR375.jpg

La nostra capacità di saper offrire fiducia e una sponda pacifica per dirimere questioni spinose ci aveva regalato un posto importante all’interno dello scacchiere internazionale, meritandoci l’appellativo di «portatori di pace». La nostra razionalità, la creatività e lo spirito di sacrificio erano state ereditate da una storia millenaria costellata di errori e di evoluzioni da cui il nostro Paese era riuscito a trarre lezioni importantissime. Ma dov’era la fonte di così tanto successo del nostro popolo? Era nel rispetto delle poche e semplici regole della Legge - tanto chiare e condivisibili da essere subito adottate con fervore anche da quanti giungevano nel nostro Paese da luoghi remoti e ancora arretrati - e in una profonda consapevolezza che gli investimenti in educazione e in progresso tecnologico ci avrebbero garantito dividendi futuri per innumerevoli generazioni.


È forse questo un sogno irrealizzabile? Non credo, benché lo scetticismo possa cogliere soprattutto le anime più «vissute». L’Italia è stata al centro del Rinascimento tanti secoli fa, ormai così lontani nella nostra memoria da farci desistere in un qualsiasi tentativo d’imitazione. Ma un Nuovo Rinascimento Italiano è alle porte, perché questo è il futuro che le giovani donne e i giovani uomini vogliono e possono desiderare. Non c’è bisogno di rivoluzioni per sbloccare la situazione, bensì la buona volontà di persone eticamente oneste, patriottiche, consapevoli della limitatezza di questo mondo. L’Italia è stata per troppo tempo soggiogata da atteggiamenti populisti e da una odiosa mancanza di visione strategica: rispondere alle necessità di breve termine, alle emergenze, è stato per troppo tempo l’elemento caratterizzante la nostra classe politica. Ora l’Italia ha bisogno di noi, di quelle giovani donne e di quei giovani uomini che vogliono realizzare un sogno e che sperano di poterlo concretizzare già nei prossimi cinque anni, in un Nuovo Rinascimento Italiano.
 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.