BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

CRISI/ Fortis: il maxipiano di Obama affossa gli Usa e fa bene alla Cina

obama_discorso_podioR375.jpg(Foto)

Le nostre riserve auree sono ancora intatte (a differenza dell’oro Usa di Fort Knox). E se solo l’Ue riuscisse ad adottare una politica davvero comune, potrebbe rilanciare l’economia dei Paesi membri attraendo gli investimenti cinesi. Barroso ha annunciato l’intenzione di emettere degli eurobond destinati agli investimenti infrastrutturali. E secondo Quadrio Curzio le risorse auree dell'Ue potrebbero essere utilizzate per garantire gli eurobond.
 

E il governo italiano che cosa può fare?

 

Fare ripartire la domanda interna è molto difficile, perché il mercato italiano è già saturo. E d’altra parte il modello tedesco è irraggiungibile, perché in Italia non abbiamo i grandi gruppi industriali della Germania. Ma al di là delle differenze, né il governo italiano né quello tedesco possono far crescere il Pil fino al 2%: già prima della crisi economica la crescita era ferma allo 0,5%.
 

Quale può essere quindi la via d’uscita?
 

Una maggiore integrazione tra Ue e Cina, con una Cina che sappia non solo produrre ma anche consumare, e un’Europa che sappia cogliere l’opportunità legata a un bacino 1 miliardo e 300 milioni di consumatori, in grado di assorbire la produzione e l’export delle industrie italiane e tedesche.
 

(Pietro Vernizzi)
 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
08/09/2010 - Perché i cinesi sono "virtuosi"? (Francesco Giuseppe Pianori)

1. Se io produco più del necessario, ad un certo punto dovrò buttare via la roba in eccesso, perché nessuno potrà acquistarla. 2. Se io consumo più del necessario, ad un certo punto non potrò più acquistare nulla, perché non avrò i mezzi per farlo. Perché i cinesi producono e non consumano? Perché sono "virtuosi"? Ma sono davvero "virtuosi"? L'America è fortemente indebitata. La Cina ne è fortemente creditrice. Creditrice di carta straccia o astuta occupante? Commerciare con i ladri è pericoloso. Ospitare i disonesti non è il massimo della prudenza. E se l'economia ripartisse da una rinnovata umanità? E se prendessimo sul serio la Caritas in veritate? Pazientemente operando secondo la vera natura umana?

RISPOSTA:

Per esempio si potrebbe rileggere l'invito del Papa a un rapporto più equilibrato tra Paesi industrializzati e Terzo mondo come un'opportunità per superare la crisi. Pietro Vernizzi