BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Il credito popolare batte le grandi banche: chiedetelo a famiglie e imprese...

Pubblicazione:

Euro_Casa_EuriborR375.jpg

Le Banche Popolari continuano l’opera incessante a sostegno dei territori e delle comunità. Gli ultimi dati, aggiornati al mese di giugno 2010 (tavola 1), evidenziano la prosecuzione del trend positivo del credito, aumentato su base annua del 5%, un ritmo di crescita ampiamente superiore alla media nazionale (+2,4%), e sottolineano l’incremento significativo della raccolta diretta, salita nello stesso mese del 6,4% rispetto a dodici mesi prima, quasi mezzo punto percentuale in più di quanto riportato dal Sistema (+6%).


Questi numeri confermano il ruolo anticiclico e specifico del Credito Popolare nell’economia reale in un prolungato periodo fragile e turbolento per l’economia italiana. La crisi finanziaria, con le sue conseguenze negative sul tessuto produttivo reale, ha interessato tutti i settori economici, lasciando spesso imprenditori e famiglie in preda ad una diffusa incertezza e preoccupazione per il futuro.


Ancora oggi la situazione continua ad essere delicata e gran parte degli addetti ai lavori ritengono di fondamentale importanza interpretare i segnali provenienti dal mondo economico ed investire sulle “persone” e sul territorio, sviluppando rapporti improntati alla fiducia e alla valorizzazione delle aree produttive. Un’attenzione che il Credito Popolare ha saputo mantenere alta nel tempo, fedele al modello di “relationship banking” caratterizzato da una profonda conoscenza del territorio e del tessuto produttivo e da una efficace capacità di allocazione delle risorse e degli investimenti.


L’analisi per ripartizione geografica degli impieghi (tavola 2) mostra incrementi concentrati nelle regioni del Nord-Est, dove i prestiti sono cresciuti dell’8,4 % e nelle regioni del Mezzogiorno, dove sono aumentati del 7,1%. Nelle restanti ripartizioni, Nord-Ovest e Centro, la crescita del credito è risultata leggermente più contenuta (rispettivamente 3,4% e 2,9%), restando, comunque, superiore alla dinamica media registrata dal sistema. Tale quadro è in grado di evidenziare come il Credito Popolare abbia raggiunto positivi risultati nei settori produttivi di tutta la penisola, attraverso una crescita costante al fianco delle PMI, vero motore dell’economia italiana.


PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA >> QUI SOTTO

 


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
09/09/2010 - Il credito dell'amicizia batte tutto! (claudia mazzola)

Devo ringraziare tre uomini, soci di mio marito, che ci hanno chiuso un fido e costi del c/c, dandoci il loro denaro ad un'interesse annuale più basso della banca. E noi tiriamo un sospiro di sollievo ed andiamo avanti pronti per un altro miracolo.