BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FIAT/ Bertone: così può cambiare la nostra economia col referendum di Mirafiori

Foto AnsaFoto Ansa

Per far ripartire la macchina dell’economia, dopo questo passaggio comunque importante per riaffermare il principio della flessibilità del fattore lavoro, occorre che le energie sprigionate dalla riforma materiale di Mirafiori vengano messe al servizio di due riforme formali necessarie: un patto per il lavoro alla tedesca, in cui alla flessibilità effettiva (protetta da incursioni della magistratura o di minoranze turbolente) corrisponda un patto per il lavoro; una riforma fiscale che consenta di sgravare le imprese (che oggi concedono ai concorrenti del Nord 15 punti percentuali di fiscalità) dalle imposte.

 

Il tutto in una logica di politica economica, che è cosa ben diversa dall’uso strumentale che, molto malaccortamente, governo e opposizione hanno fatto della vicenda Fiat, utilizzata solo per scopi di politica “tout court”, senza cogliere l’occasione per impostare un piano di crescita industriale: in Francia come negli Usa o in altri Paesi l’auto elettrica è un obiettivo condiviso da governo, amministrazioni locali, università e industria. In Italia, che pure vanta decine di migliaia di auto (non Fiat) sul fronte del metano, del gpl e dei motori puliti, ogni forma di incentivo, legittimo per l’Unione Europea, è stato lasciato cadere. Salvando così (forse) le entrate fiscali nel breve. Ma ipotecandole per il futuro, visto che senza lavoro non si produce gettito: i miracoli “scudati” durano poco.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
15/01/2011 - era ora (Perlo Aldo)

vorrei sapere quanti dei signorNO hanno praticato il doppio lavoro, quanti di loro si sono messi in mutua per andare in ferie, quanti di loro abbiano preso permessi per...solo dormire o perchè la sera ( in particolare il Lunedì )prima avevano fatto bagordi, forse questa gente ora teme per il proprio post o di lavoro? Fa bene a temere perchè se io fossi il loro capo ora li sbatterei fuori così capirebbero a cosa stavano portando anche gli altri. Lavorare non vuol dire passare le ore davanti alla macchina del caffè o in sala pausa a leggere il giornale o come ho visto fare a molti nei turni di notte a pomiciare vuol dire fare il proprio dovere fare ciò per cui si percepisce un stipendio perchè questo va guadagnato non rubato. Se non hanno voglia di fare questo lascino il posto a chi ha più bisogno di loro