BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

REFERENDUM FIAT/ Marchionne: «I lavoratori hanno preso in mano il loro destino e chiuso la porta agli estremismi»

Sergio Marchione scrive ai lavoratori di Mirafiori ringraziandoli per «aver dimostrato fiducia in se stessi e nel loro futuro». Parla di «svolta storica», perché i lavoratori «hanno scelto di prendere in mano il loro destino». 

(foto Imagoeconomica) (foto Imagoeconomica)

MARCHIONNE COMMENTA IL RISULTATO DEL REFERENDUM - Voleva il 51% dei sì e l'ha avuto. Ora Sergio Marchione scrive ai lavoratori di Mirafiori ringraziandoli per «aver dimostrato fiducia in se stessi e nel loro futuro». Parla di «svolta storica», perché i lavoratori «hanno scelto di prendere in mano il loro destino». È una scelta lungimirante, dire l'ad, che ha «chiuso la porta agli estremismi, che non hanno portato a nulla se non al caos».

 

Un ringraziamento dunque, ma anche una critica intransigente contro l'opposizione della Fiom, senza nessun dubbio su un accordo che «non penalizza i lavoratori in nessun modo». Queste le parole di Marchionne:

 

«Siamo lieti che la maggioranza dei lavoratori di Mirafiori abbia compreso l'impegno della Fiat per trasformare l'impianto in una fabbrica di livello internazionale. Siamo lieti perché con il loro voto hanno dimostrato di avere fiducia in sè stessi e nel loro futuro. Non hanno scelto soltanto di dire sì ad una nuova possibilità per Mirafiori, quella di lavorare e competere tra i migliori. Hanno scelto di prendere in mano il loro destino, di assumersi la responsabilità di compiere una svolta storica e di diventare gli artefici di qualcosa di nuovo e di importante».

 

CONTINUA A LEGGERE L'INTERVENTO DI MARCHIONNE CLICCANDO SULLA FRECCIA