BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BORSA/ Indicazioni e analisi tecnica dei mercati al 31 gennaio 2011

ALESSANDRO SPATARO ci guida nell'analisi tecnica dei mercati, partendo dall'andamento dei principali indici nella scorsa settimana

Foto Fotolia Foto Fotolia

A sostenere le piazze azionarie del paese a stelle e strisce nella prima parte della settimana, sono state le decisioni della Federal Reserve. I membri del Board hanno infatti confermato le politiche di stimolo all’economia. Bene anche il dato macroeconomico sul comparto immobiliare. È stato annunciato inoltre che l’indice Home Pending Sales (vendite di case con contratti ancora in corso) ha evidenziato un incremento nel mese di dicembre del 2%, superiore alle previsioni degli addetti ai lavori (+1%).

Deludenti invece le altre cifre macro pubblicate venerdì. Nel primo pomeriggio, il Dipartimento del Lavoro ha reso noto che le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono salite a 454 mila unità, ben peggiori delle aspettative degli analisti fissate su un numero di richieste pari a 405 mila unità. Il Dipartimento del Commercio ha reso noto che gli ordini di beni durevoli hanno evidenziato nel mese di dicembre una flessione del 2,5%, peggiore delle attese degli analisti che si aspettavano un rialzo dell’1,5%. L’indice escluso il settore dei trasporti ha registrato una crescita dello 0,5% (consensus +0,9%).

S&P500

La correzione che ci aspettavamo settimana scorsa è arrivata. Le prese di beneficio dopo una lunga cavalcata rialzista dell’indice americano, ci fa pensare alla volontà di rivedere i prezzi in area 1,250 e 1,225. Importante supporto è rappresentato dalla MM100 esponenziale che come si può vedere si trova in area 1,220. Solo il superamento deciso di area 1,300 ci indicherebbe la continuazione del trend rialzista.

NASDAQ

Probabile anche per il listino tecnologico una correzione per settimana prossima probabilmente più forte dello S&P500. La convergenza tra prezzi e Stocastico ci conferma la visione ribassista di breve periodo. Il MACD è diverse giornate che ci conferma l’esistenza di un trend ribassista. Obiettivi 2,200-2,150.