BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BORSE/ Spiragli positivi per Piazza Affari e tutta Europa (il punto con Wall Sreet)

Nel giro di due settimane, commenta GIANLUIGI DA ROLD, Piazza Affari ha guadagnato più del 13 percento, segno che le agenzie di rating non hanno influito sull’andamento dei mercati

Foto: Ansa Foto: Ansa

Nel giro di due settimane Piazza Affari ha guadagnato più del 13 percento. Se si pensa che la “trimurti”, cioè le tre grandi agenzie di rating americane, abbia un peso decisivo sull'andamento dei mercati, si commette probabilmente un errore. Fitch è stata l'ultima a decretare il downgrade italiano, insieme a imprese e una cinquantina di enti locali. La risposta è arrivata questa mattina con una buona apertura e un consolidamento del trend rialzista.
A metà giornata piazza Affari sta viaggiando su un guadagno superiore all'uno e mezzo per cento, vicino ormai ai 15mila e ottocento punti. In territorio positivo, pur con valori minori (c'è stato un ritracciamento dopo un'apertura vivace), sono anche il Dax di Francoforte e il Cac 40 di Parigi. Ma in realtà, tranne Atene, tutte le borse europee sono in rialzo. La Grecia sconta una situazione drammatica. Angela Merkel ci ha aggiunto del suo: “Non poteva entrare nell'euro, non era compatibile con il patto di stabilità”. Secondo il cancelliere tedesco sarebbero state le pressioni politiche a far entrare Atene nell'eurozona. E il paese in questo momento è sull'orlo della paralisi per il blocco quasi totale sui trasporti pubblici, mentre la “troika” sta concludendo la sua missione.
Nelle prossime ore si dovrebbero sapere i termini più esatti della questione e quale futuro è riservato alla Grecia.
In tutti i casi, nella giornata di oggi, i sintomi di miglioramento dei mercati sono legati a due elementi di fondo. Il primo è il colloquio avvenuto ieri a Berlino tra Nicolas Sarkozy e Angela Merkel. Le divergenze che si erano palesate alla vigilia sembrano superate, perché sia il presidente francese, sia il cancelliere tedesco hanno ufficialmente dichiarato che il problema della ricapitalizzazione delle banche, entro un mese, sarà risolto. Ed è stato questo il fattore che ha spinto le Borse in prima mattinata e che probabilmente determinerà l'andamento della giornata. Una risposta la si può vedere nel comparto bancario italiano, dove i titoli sono in risalita.
Nello stesso comparto non vanno bene al momento le banche tedesche e francesi. Ma il fatto che il piano sia stato lanciato sia dalla Merkel che da Sarkozy, dopo le anticipazioni fatte in settimana da Josè Barroso e Oli Rhn, comincia a diventare un punto di riferimento più realistico per gli investitori.