BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LEGGE DI STABILITA’/ Previsti 242 milioni per le scuole non statali. La scheda

Il governo prevede un miliardo di euro in più per potere finanziare gli ammortizzatori in deroga e la proroga del 5 per mille, con un finanziamento–tetto da 400 milioni di euro

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

L’esecutivo prevede un miliardo di euro in più da destinare agli ammortizzatori in deroga e la proroga del 5 per mille, con un finanziamento–tetto da 400 milioni di euro. Si tratta di alcune delle misure contenute nella bozza delle Legge di stabilità 2012, la vecchi legge finanziaria, visionata in anteprima dall’Ansa. Il testo programmatico di gestione finanziaria passerà domani al vaglio del Consiglio dei ministri. Molti altri sono i settori presi in considerazione. Per il 2012  è prevista l’autorizzazione di un finanziamento di 400 milioni di euro da destinare al comparto dell'autotrasporto merci. E’ inoltre incrementato di 400 milioni di euro il fondo per il finanziamento ordinario delle università, principale fonte di sostegno degli atenei, assieme alle tasse universitarie. Queste ultime, tuttavia, non possono ammontare che a una piccola quota del fondo. Sempre sul fronte dell’educazione, per le scuole non statali vien garantito lo sblocco di 242 milioni di euro di risorse. Le missioni  internazionali, invece, vengono dotate di 700 milioni di euro. Sarà, poi, prorogata per tutto il prossimo anno la tassazione agevolata dei premi di produttività. Sarà applicata ai titolari di lavoro dipendente «non superiore nell'anno 2011 a 40.000 euro». Degli 1,6 miliardi di euro in più non previsti dalla vendita delle frequenze telefoniche, guadagnati dal governo che si era prefissato l’obiettivo minimo di 2,4 miliardi (ne ha ottenuti in tutto 4), non andrà neanche un centesimo al settore delle telecomunicazioni. Saranno destinati interamente all’ammortamento dei titoli di Stato e all'istruzione. Salvo i tagli ai ministeri, che consisterebbe in tutto i circa 7 miliardi, il titolare della Salute, Ferrucio Fazio, nel corso della presentazione della Giornata mondiale  della vista ha assicurato che non ci saranno tagli alla sanità. Potrebbe essere introdotto, infine, nella legge di stabilità e non nel decreto sviluppo una misura che imporrebbe un prelievo sulle pensioni dei baby pensionati, coloro che hanno smesso di lavorare pria di 50 anni di età o con meno ci 25 anni di contributi.