BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 1. Bertone: ecco i conti truccati che aggravano la crisi

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

Per riavviare il ciclo è necessario che l’economia virtuale e quella reale tornino ad avvicinarsi: ovvero che riparta un ciclo virtuoso di risparmi nei costi e di investimenti al servizio della domanda, che coinvolga tutti i fattori, non ultimo la redistribuzione del reddito. Altrimenti, continueremo a campare in un mondo schizofrenico, dove l’assurdo diventa realtà.

Come succede alla cartella delle tasse di Warren Buffet: 62 milioni di reddito lordo, imponibile di 39 milioni. Tasse pagate: 15.300 dollari. Neanche nell’Egitto dei Faraoni il sistema era così squilibrato. Senza nemmeno far la fatica di redigere quattro bilanci diversi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
14/10/2011 - la vigilanza (francesco scifo)

L'articolo può essere letto insieme a quello apparso su un altro giornale nazionale di Torino il 12 u.s. sul ruolo della BCE. Entrambi sfiorano il nocciolo della questione ma non lo centrano. Quello che ha fallito è la vigilanza interbancaria. La Banca d'Italia ha, tra le sue attribuzioni, un ottimo servizio di vigilanza che dovrebbe controllare lo stato economico reale delle altre banche italiane e delle finanziarie, tuttavia, il corretto funzionamento questo servizio viene ostacolato dalla politica. In effetti manca un efficente servizio di vigilanza interbancaria trasnazionale della BCE essendo lo stesso affidato alle banche centrali dei singoli paesi: è questo il tallone d'achille del sistema. Nessuno di fatto controlla la realtà dei bilanci delle Banche. Ecco perchè periodicamente saltano singole banche all'improvviso, questo avviene quando il loro debito diventa tale da non poter essere più coperto dallo Stato di apparteneza. Se la UE vuole sopravvivere deve: 1) dotarsi di un vero parlamento rappresentativo e non di un simulacro; 2) unificare le politiche fiscali con tasse uguali per tutti i paesi dell'Unione; 3)affidare veramente il controllo interbancario ad un organo comunitario.