BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

TASSE/ L’esperto: ecco l’Ici che può aiutare le famiglie

Foto FotoliaFoto Fotolia

Un modo per tener conto delle famiglie quando si parla di tasse, come si fa all’estero. Del resto, la Banca d’Italia sottolinea che non avere un’imposta sugli immobili è una anomalia rispetto al resto d’Europa. «Infatti, in Francia, ci sono imposte locali - spiega Arrigo - sugli immobili abbastanza rilevanti, ma anche detrazioni elevate per i carichi famigliari. Una famiglia italiana di reddito medio abbastanza numerosa in Francia probabilmente non pagherebbe nulla: le riduzioni di imposta coprirebbero il debito impositivo».

Se però ritorno dell’Ici deve essere, oltre all’introduzione di questa esenzione, Arrigo fornisce altri due suggerimenti: «Il primo riguarda una razionalizzazione dell’imponibile che porti a maggiore equità. Nella vecchia Ici, infatti, si pagava in base alla rendita catastale, che viene assegnata a un immobile al momento dell’iscrizione al catasto. Questo faceva sì che, a parità di dimensioni, su una casa più vecchia si pagasse meno perché la rendita catastale era inferiore». Il secondo consiglio è «ripristinare l’Ici a patto di diminuire qualche altra entrata fiscale. E, secondo me, la cosa migliore sarebbe aumentare le detrazioni per i carichi familiari. Bisogna evitare di introdurre nuova imposizione fiscale e aumentare la pressione fiscale che è già a livelli stellari».

 

(Lorenzo Torrisi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
17/10/2011 - Basta spezzettino di detrazioni! (GIUSEPPE LINO)

Io non capisco perchè ci si debba lambiccare il cervello per inventare detrazioni complesse anche da verificare. Per una fiscalità equa per la famiglia è sufficiente introdurre un QUOZIENTE FAMILIARE serio come in Francia: Reddito famigliare / numero di componenti (2 per genitori,+0,5 per i primi due figli, * 1 per ogni figlio o famigliare a carico in più; +0,5 se con handicap)

 
14/10/2011 - E l'Irpef comunale? (Mariano Belli)

E l'Irpef comunale ve la siete dimenticata? A che serve se non per i servizi pubblici locali? E in genere ammonta almeno all'Ici che si pagava prima....ed è più equa perchè la paga anche chi sta in affitto (che mica è detto sia più povero di un proprietario, anzi...). Insomma, si raddoppiano le tasse ai danni dei soliti, perchè chi lavora in nero e sta pure in affitto, paga zero e i servizi glieli pagano i vicini.....Ma come si fa a tassare la casa dove si vive, manca solo che ci tassano l'aria che respiriamo!!!