BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Campiglio: ecco perché la Germania taglia le tasse anche se cala il Pil

Pubblicazione:venerdì 21 ottobre 2011

Foto Ansa Foto Ansa

Il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schauble, e quello dell'Economia, Philipp Roesler, hanno raggiunto un accordo di cui i cittadini non potranno che essere entusiasti: dal gennaio 2013, saranno abbassate le tasse, sui redditi da lavoro, di 6-7 miliardi di euro. Contestualmente, tuttavia, il governo ha tagliato le stime di crescita per l’anno prossimo. Dall’1,8% all’1% del Pil. Qualcosa non torna. Se cala la crescita, infierire sui conti dello Stato con uno sgravio fiscale sembra equivalere a darsi la zappa sui piedi. In realtà, Luigi Campiglio, professore di Politica economica all'Università Cattolica di Milano spiega a ilSussidiario.net che le cose non stanno propriamente i questi termini. «Mentre è vero - dice - che, dal punto di vista degli scambi commerciali, la maggior parte dei Paesi, compresa l’Italia, ha un disavanzo, questo non accade in Germania». Nonostante, quindi, le critiche giunte al governo federale dall’opposizione e dagli alleati del Csu per esser stati tenuti all’oscuro della manovra, questa rimane sostenibile. Anche perché sarà aumentata la soglia reddituale sotto la quale si è dichiarati esentasse. Non solo. «La diminuzione è possibile per una ragione poco sottolineata nel dibattito attuale», afferma Campiglio. «La Germania è in grado, molto più efficacemente degli altri Paesi, di stimolare la domanda interna, grazie all’elevato e strutturale avanzo delle partite correnti». Secondo il professore, «questo è il risultato dei suoi successi commerciali in Cina e nei Paesi emergenti ma, al contempo, di quelli relativi agli interscambi in Europa». Da tempo è noto come la Germana sia tra i pochi Paesi europei che hanno saputo cavalcare l’onda della crescita di Paesi come il gigante asiatico, l’India e il Brasile. Ma, come spiega Campiglio, ha saputo fare ben altro. «Per intenderci, possiamo dire che la Germania sta all’Ue come la Cina sta agli Stati Uniti. I tedeschi importano prodotti europei, come i cinesi quelli statunitensi, diventando così loro finanziatori indiretti».  Del resto, continuare a puntare esclusivamente sull’export può non essere la strada migliore. «La scelta tedesca rispecchia anche - con una certa velocità decisionale -, la presa di coscienza del fatto che il tasso di crescita dei Paesi emergenti sta iniziando a rallentare, pur rimanendo decisamente alto». E in Italia?


  PAG. SUCC. >