BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 1. Bertone: l’Europa si è svenduta alla Cina

Zhou Xiaochuan, governatore della Banca Popolare Cinese (Imagoeconomica) Zhou Xiaochuan, governatore della Banca Popolare Cinese (Imagoeconomica)

Il doppio vertice di Bruxelles ha archiviato, una volta per tutte, il welfare così come è stato concepito in Europa nel secolo scorso. Oggi, per un ampio ventaglio di materie che riguardano la nostra vita (pensioni, inserimento dei giovani, caratteristiche della scuola e organizzazione del lavoro) è necessario fronteggiare la concorrenza di altri sistemi, spesso più concorrenziali anche se meno giusti (pensiamo alla sanità). Ma per conservare le conquiste legittime sarà necessario buttare a mare gli sprechi, gli egoismi, i furti che hanno seriamente inquinato il tessuto sociale d’Europa. E d’Italia in particolare, a danno di una fetta consistente di italiani che non godono e non godranno più delle guarentigie passate.

È l’ora dell’esame di coscienza per tutti. Non solo delle cerimonie liturgiche contro l’evasione o altri “cattivi” a scelta. È l’ora di domandarsi se le pensioni di anzianità, pensate per una popolazione che viveva dieci anni di meno in media e aveva alle spalle anni di lavoro giovanile (o di guerra) molto più faticosi e logoranti, non siano da considerare una rendita al pari dell’elusione fiscale, dell’impiego di custodi in musei che non hanno nemmeno abbastanza sedie per ospitarli o delle istituzioni centrali e locali inutilmente costose.

© Riproduzione Riservata.