BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 1. Forte: ecco i pasticci di Tremonti che "affossano" l’Italia

Pubblicazione:

Giulio Tremonti (Foto Imagoeconomica)  Giulio Tremonti (Foto Imagoeconomica)

Le parole pronunciate dal ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, al termine della riunione dell’Ecofin tenutasi in Lussemburgo hanno creato un vero e proprio caso. A una domanda sul perché i titoli di stato spagnoli (Bonos) abbiano uno spread con i Bund tedeschi inferiore a quello dei Btp italiani, Tremonti ha risposto che ciò dipende anche “dall’annuncio di elezioni, che di per sé è una prospettiva di cambiamento e quindi un’apertura al futuro”. Un'affermazione che si è prestata subito a una nuova domanda: “Allora se in Italia si annunciassero nuove elezioni sarebbe un fatto positivo?”. Immediatamente Tremonti è dovuto correre ai ripari, spiegando che non c’era alcun riferimento all’Italia. Poco dopo una nota del ministero dell'Economia e delle finanze (Mef) specificava che “da sempre, quando parla all’estero con la stampa, il ministro Tremonti evita temi italiani”. In serata sul sito del Mef compariva una dichiarazione del Ministro: ogni riferimento alla politica interna italiana riguardo le sue parole “è totalmente infondato e strumentale”.

«Non so bene perché Tremonti faccia queste dichiarazioni - ci dice Francesco Forte, economista ed ex ministro delle Finanze - che si prestano a interpretazioni errate. Certo è vero che l’annuncio delle elezioni anticipate in Spagna, con la quasi certezza di una vittoria del centrodestra, fornisce elementi di speranza per l’economia di Madrid, ma non bisogna dimenticare altri fattori».

 Quali?

Madrid gode di buoni rapporti con l’America Latina, in cui ci sono economie emergenti che crescono sicuramente più dei paesi europei. Inoltre, la Spagna sta cercando di mettere in ordine la propria situazione finanziaria, che non è disastrata, dato che è un Paese poco indebitato (il rapporto debito/Pil è vicino al 68%, ndr). In Italia l’annuncio di elezioni anticipate farebbe levitare lo spread Btp-Bund, perché non si saprebbe che governo potremmo avere e questo non aiuta un Paese che si trova in mezzo al guado dal punto di vista del risanamento finanziario.

È pur vero che l’Italia ha fondamentali economici migliori rispetto alla Spagna, a parte il rapporto debito/Pil. Come mai allora il nostro spread è più alto?

Perché il nostro debito, così come il nostro Pil, sono più grandi di quelli della Spagna. Di contro, la nostra crescita del Pil è stata inferiore negli ultimi anni. Quindi il debito pubblico spagnolo è più facile da collocare sui mercati finanziari, sia perché l’ammontare dei titoli è inferiore, sia perché si ritiene che Madrid possa più facilmente pagare gli interessi sul debito. Il nostro problema è quindi riuscire a convincere i mercati che conviene comprare i nostri titoli di stato, sempre meno in mano alle famiglie italiane e sempre più in quelle degli operatori internazionali.

Una soluzione sembra quella di tagliare il debito pubblico. E a questo riguardo la scorsa settimana Tremonti ha proposto la creazione di un fondo immobiliare per privatizzare il patrimonio pubblico. Cosa ne pensa?



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
09/10/2011 - a che serve l'Iva? (alfredo campi)

Caro Ministro Tremonti,mi vuoi spiegare perchè non ti è venuta l'idea di eliminare l'Iva dai prezzi invece di aumentarla di un punto? Mi spieghi perchè se questo inverno che verrà e che come credo sarà molto freddo, io per scaldare la mia casa dovrò pagare l'IVA? Essa è una tassa iniqua che pesa sulle famiglie e che non ha motivo di esistere, perchè crea evasione, specie nel mondo del commercio. Quando mi si rompe un tubo in casa, mi spieghi perchè devo pagare l'IVA? I tagli alla spesa pubblica, perchè non hanno contemplato la riduzione del vostro stipendio? Anzi, vi siete aumentati di 1100 euro, la vostra busta paga. Perchè i dipendenti del Ministeri compresi voi possono detrarre tutte le spese mediche, ed anche quelle termali? Io avrei tolto l'iva, tanto non serve a nulla così avrei lasciato nelle tasche dei contribuenti e dell'industria soldi per spese ed investimenti, creando posti di lavoro che fino ad oggi non se ne vedono neanche con la Stella polare. Mi dispiace, ma voi politici fate i conti solo con il mio stipendio, e ciò non mi piace. Saluti Alfredo Campi Rimini.

 
05/10/2011 - debito pubblico (giuseppe g. carchidi)

mi chiedo se l'internazionalizzazione del debito pubblico non sia stato un errore madornale,politico, promosso da bankitalia, e voluto a prescindere dalle conseguenze già note.