BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 2. C'è una ricetta "anti-politica" che salva l’euro

Pubblicazione:mercoledì 5 ottobre 2011

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Il gioco retorico della politica sta qui (e molti purtroppo ci sono caduti): far credere che occorre salvare la Grecia per salvare l’euro. L’euro in realtà sarebbe paradossalmente più forte se la Grecia fosse lasciata fallire, perché avrebbe testimoniato che un problema politico non è in grado di distorcerne l’ammontare in circolazione a suo piacimento, e che il riferimento per il valore della moneta è solo la capacità dell’economia (o parte di essa, come finora è valso per la Germania) di produrre ricchezza riconosciuta all’estero, per cui il costo del fallimento di uno tra gli enti fiscali che adottano la moneta avrebbe lo stesso transitorio effetto degli storici fallimenti di New York e Cleveland. Ma la politica mette in mezzo l’euro, perché gran parte degli europei (greci in primis) sanno bene che senza l’euro non sarebbero neppur temporaneamente usciti da certe trappole di crescita e inflazione, e questo per poter giustificare interventi a salvataggio del fine politico - pro domo sua - di un super-Stato europeo.

È proprio la politica in realtà che, per perseguire il proprio politico fine, crea i presupposti - il legame moneta-Stato - per il trascinamento nel fallimento di un ente fiscale sostanzialmente marginale anche la moneta unica. La politica ha un primo problema (consenso minacciato dal fallimento greco), crea un secondo problema (minaccia sull’euro) per risolvere il primo, e poi piange il primo problema dichiarando che dalla soluzione di questo discende la soluzione del secondo, quando in realtà i nessi causali sono invertiti e permessi solo dalla presenza stessa della politica. Eliminare l’interferenza politica, e far prevalere il principio di responsabilità del debito del singolo, risolverebbe subito i pericoli per l’euro.

Cadere in questo “equivoco” equivale a schierarsi con una fazione politica in base a una falsa benché suggestiva rappresentazione della realtà.

 

www.ideashaveconsequences.org



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.