BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

TRENI/ L’esperto: altro che Parigi-Venezia, vi spiego le vere sfide di Trenitalia

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

A quanto pare per la liberalizzazione completa delle tratte interne bisognerà aspettare il 2019, ma l’Italia sembra essere in questo, almeno per una volta, un passo avanti a tutti. «Il nostro sarà il primo Paese europeo in cui ci sarà concorrenza nell’Alta velocità con l’ingresso sul mercato di Ntv. Un mercato che probabilmente crescerà almeno del 70-80% nei prossimi 10 anni. I margini di crescita sono infatti enormi: basti pensare che la produttività della nostra rete è un terzo di quella francese. Sarà comunque difficile che la competizione si allarghi a un terzo soggetto. Certamente porterà a un miglioramento del servizio e forse a un abbassamento delle tariffe. Dico forse perché dipenderà anche dai costi che verranno chiesti agli operatori per l’uso dell’infrastruttura».

Il trasporto ferroviario resta quindi al momento più chiuso di quello aereo. «Sembra quasi paradossale - conclude Bicotti -, ma c’è molta più apertura sulle tratte regionali (specie in Gran Bretagna e Germania, ma non Italia), che su quelle internazionali».

© Riproduzione Riservata.