BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SERVIZIO PUBBLICO/ Dragoni: con il “prestito forzoso” allo Stato, abbattiamo il debito di 100 mld

Foto AnsaFoto Ansa

Secondo Dragoni, «la direzione di tale proposta è analoga a quella che ho illustrato, ma con alcune differenze fondamentali. Anzitutto, ho parlato di prestito forzoso, e di grandi patrimoni.  E, come garanzia di copertura, degli immobili pubblici. Il ministero dell’Economia, del resto, pubblica periodicamente i valori assegnati a tali immobili, che ammontano a svariate centinaia di miliardi di euro». Per Fortis, invece, parte della copertura deriverebbe dal ricavato della vendita degli immobili. «Tuttavia, queste operazioni, ogniqualvolta si sono verificate, non hanno avuto esiti positivi, quando non si sono tradotti in vere e proprie svendite», dice Dragoni. Resta la questione della forzatura: «Credo - conclude - che, data l’urgenza del momento, considerato l’aumento dello spread e la difficoltà dello Stato italiano a piazzare i titoli, con un tale meccanismo la risposta all’esigenza di adesso potrebbe rivelarsi più rapida».

 

(Paolo Nessi

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
11/11/2011 - qualcosa di sinistra (francesco taddei)

in ogni trasmissione, giornale o blog politico si sottolinea la abnorme massa di lavoro nero che c'è in italia. lo sapete che le stime parlano di 100 miliardi di tasse imponibili perse ogni anno dallo stato? ma il governo monti invece della patrimoniale non potrebbe fare qualche riforma per limitare l'evasione? perchè non sento nessuno fare questa richiesta all'illustrissimo?