BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIDUCIA MONTI/ Il Poker del Professore convincerà i mercati?

Pubblicazione:giovedì 17 novembre 2011

Mario Monti nel suo discorso al Senato (Foto Ansa) Mario Monti nel suo discorso al Senato (Foto Ansa)

Per mantenere questo equilibrio le dichiarazioni di voto non possono non essere (per le forze politiche che sostengono, più o meno con riserva, lo sforzo del Sen. Prof. Monti e dei suoi colleghi) parimenti vaghe: da un lato, devono sembrare ottimiste (se non altro per evitare, come si dice a Oxford, di “restare con il cerino” in mano); da un altro, devono far intendere quali sono i paletti che pongono (se non altro per non essere bastonati dagli elettori, specialmente da quelli “duri” e “puri”).

Il pirandelliano “Gioco delle Parti”, però, questa volta non è in tre atti con due intervalli. Ci sono i Mercati a far sì che sia breve. Un po’ come gli gnomi di Zurigo di nixoniana memoria. I Mercati votano non ogni giorno, ma ogni minuto, anzi ogni secondo con il mero legittimo obiettivo di guadagnare invece che perdere. Sino a quando durano gli “equilibri dinamici” alla Nash non possono non impensierirsi: vogliono sapere, in modo nudo e crudo, quali sono le misure specifiche che il Governo proporrà e quali le reazioni delle forze politiche. Sono sempre pronti ad allearsi con “le elezioni” in un gioco ad ultimatum”, come quello tra Don Giovanni e il Commendatori in cui chi perde va all’Inferno.

Quindi, si mostrino al più presto le carte: inutile dare l’illusione che si ha scala reale se anche prendendo dal mazzo si può sperare al massimo in un tris di picche - sì proprio quello tanti che danni causò a un tale Hermann in un romanzo di Puskin.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
17/11/2011 - L'amante (Diego Perna)

“Il Dilemma del Dottore” io non l'ho letto, oggi però sono sicuro che il medico farebbe di tutto per far sopravvivere il marito anche perchè l'amante come la intendiamo oggi, non sarebbe più tale. A occhio e croce , se non sbaglio si potrebbe forse semplicemente dire che dovremmo salvare capra e cavoli, ma comprendo che è troppo banale dirlo così. I mercati, che siano guidati da 25enni vivi, è possibile, ed è ovvio che è proprio degli investitori , lucrare a più non posso su titoli e quant'altro. La mia preoccupazione, ma anche la mia speranza è che questi famigerati mercati siano anche talmente diabolici da voler lasciare in vita coloro che li fanno non solo guadagnare, ma anche esistere, e così potremo andare avanti a lungo, in attesa di cosa succederà senza che nessuno possa far nulla per cambiare un sistema blindato.Comunque a me Monti mi pare la persona più idonea allo scopo, che potevamo avere, il problema rimane sempre chi ancora non si decide a togliersi di mezzo, non faccio nomi ma è chiaro a tutti.Buona Serata e buona fortuna