BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Passera ministro: conflitto di interessi o riforme per tutti?

Corrado Passera (Foto Ansa) Corrado Passera (Foto Ansa)

Nel settore dei trasporti, il nuovo ministro, insieme al premier Mario Monti, si trovano di fronte a sfide molto importanti: in primo luogo, la creazione di un’Autorità dei trasporti. Tale authority, che avrebbe il compito di regolare ex ante il mercato per dare a tutti i concorrenti delle possibilità simili di vincere la “partita”, è necessaria, ma nessuna coalizione politica era riuscita a crearla negli ultimi anni, nonostante l’insistenza dell’Unione europea e dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Un Governo con Monti come Premier, Antonio Catricalà come sottosegretario alla Presidenza del consiglio e Passera come ministro dello Sviluppo e delle Infrastrutture e dei Trasporti dovrebbe avere una forte impronta liberalizzatrice.

Se non sarà questo Governo a introdurre un po’ di concorrenza nel settore dei trasporti, difficilmente la classe politica che ha portato lo spread tra Btp e Bund a 500 punti base, sarà in grado in futuro di fare tali riforme.

© Riproduzione Riservata.