BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRAC ITALIA(?)/ Campiglio: altro che Borse, il vero problema è il 2012

Pubblicazione:mercoledì 2 novembre 2011

Foto Ansa Foto Ansa

Le soluzioni tecniche di cui ho letto per ora sui giornali sono complicate, mentre secondo me occorrono cose semplici. Bisogna mettere in sicurezza quei 300 miliardi di debito italiano da rinnovare, anche ricorrendo a manovre non ortodosse, magari trovando formule per diluirli su tre tranche: è uno di quei pochi casi in cui un po’ di ingegneria finanziaria non guasterebbe. Credo che chi ha sott’occhio la situazione e tutti i numeri che contano sappia bene che l’appuntamento in cui si fa o si disfa tutto è l’anno prossimo: l’Italia sta già annaspando dal punto di vista della crescita e se si trovasse incastrata tra scadenze brevi e tassi alti per rifinanziare il debito pubblico sarebbe davvero la fine.

 

(Lorenzo Torrisi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
06/11/2011 - prova di sussidiarietà (antonio petrina)

perchè non si fa una prova di sussidiarietà nazionale , per venire incontro all'allarme del prof campiglio , concretizzando l'appello dell'imprenditore pistoiese e commentata favorevolmente da cazzullo sul corsera di sabato 5 nov, a proposito di una pubblica sottoscrizione dei titoli in scadenza nel 2012 da un pool di banche nazionali ( con o senza palma d'oro ) che senza commissioni , agevolano questa pubblica sottoscrizione per il bene del paese e che il governo in carica pubblicizza adeguatamente?

 
04/11/2011 - Ma Lei quanto paga ? (Vittorio Cionini)

D'accordo Signor Orciari con Lei e con tutti coloro che sostengono tesi analoghe ma gradirei che tutti quelli che insistono su patrimoniali e tasse varie dichiarassero se e quanto i prelievi proposti li riguardano direttamente. Per capirci meglio Lei o la Sua famiglia è titolare di un patrimonio da mettere in gioco ? E se del caso quanto sarebbe disposto a sacrificare ? Tanto per chiarezza sui ruoli. Grazie e saluti. Vittorio Cionini

 
03/11/2011 - ma si dai... (Federico Orciari)

Ha detto bene prof. Campiglio, l'Italia non cresce piu' da 10 anni almeno. Ma chi ha governato in questi ultimi 10 anni a parte i due anni di Prodi?? Silvio. Il problema e' il debito pubblico; quindi occorre ridurlo almeno ai livelli di Germania e Francia e infine rientrare nel famoso patto di stabilita', ma come fare? L'Europa ci dice dove dobbiamo arrivare ma non ci dice come arrivarci. Vogliamo per una volta smetterla di fare manovre su puri calcoli elettorali e cominciare a far pagare tutti in base al proprio reddito e ricchezza?! E' veramente un concetto cosi' comunista dire che chi ha evaso o eluso fino ad oggi deve cominciare a pagare? E' cosi' comunista dire che chi ha dei patrimoni dovrebbe pagare una tassa?? Roba da matti.

 
02/11/2011 - la "fine" (giulio paolo pesce)

sarebbe utile e gradito se si potesse dare un quadro di orientamento concreto a quanto si definisce, al termine di questo interessante e significativo articolo, come "la fine". grazie e cordiali saluti