BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Pelanda: c'è una via di fuga italiana al suicidio della Germania

Pubblicazione:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Ma con questi criteri è difficile che l’euro e il suo sistema bancario possano resistere al deflusso nel 2012. Infatti nell’Eurozona c’è già crisi di liquidità. Forse Merkel aspetta che la crisi sia più evidente per “mollare” senza perdere consenso interno. Ma, se così, è un gioco pericoloso, soprattutto, per l’Italia.

Il governo Monti sta preparando il piano di riordinamento e questo sarà fattibile. Ma se intorno all’Italia stessa l’euro cede, tale sforzo sarà vanificato. Quindi Roma, per autotutela, dovrebbe fare due azioni. Rivolgersi subito al Fondo monetario internazionale affinché sostenga nelle aste il rifinanziamento del suo debito (290 miliardi nel 2012). La buona notizia è che il Fmi è pronto a farlo con procedure attivabili in due giorni (per un volume di 90 miliardi all’anno, estendibili). Riservatamente, per non generare panico, predisporre un piano di eventuale ritorno alla sovranità monetaria in un solo giorno. 

 

www.carlopelanda.com

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
29/11/2011 - Default, come l'Argentina (Mariano Belli)

Il default sul debito pubblico è l'unica cosa da fare nell'interesse del popolo italiano, altrimenti siamo nelle mani dei razziatori, alias politici/tecnici venduti al capitale internazionale per derubare il nostro Paese delle sue risorse. Le banche europee incassano fior di interessi sul nostro debito pagati con lacrime sangue dalle famiglie italiane, ma non gli basta, vogliono tutto. E' ora che il popolo alzi la testa e dica basta, che i fratelli d'Italia dicano basta a questa schiavitù, come ha fatto il grande popolo argentino.

 
28/11/2011 - la germania e la fiducia dei paesi UE (antonio petrina)

Come dare torto alla germania "di non cedere diun millimetro " relativamente alla richiesta di garanzie ? La storia e Weimar insegnano giustamente ai tedeschi che i paesi virtuosi devono pretendere le giuste garanzie! Ma occorre la fiducia per tutti, sia per quelli che virtuosi non sono stati ma che intraprendono le riforme per pagare i debiti (Grecia,Italia,ecc.) e sia per la BCE che deve garantire i loro sforzi!

 
28/11/2011 - suicidio germania omicidio italia (maria schepis)

Mi pare di capire che questi grandi manovre abbiano come fine la rielezione dei princilali attori politici,la Merkel soprattutto,siccome gli scenari finanziari internazioli sono a sfavore dell'euro,perché non dare subito una spallata alla moneta unica e ritornare alla nostra vecchia lira? Se svalutata,per come leggevo ieri in un altro articolo,potrebbe favorire una maggiore vendita dei nostri prodotti,del resto lo yen insegna

 
28/11/2011 - pari dignità e scegliere i migliori per governarci (francesco taddei)

con un governo unico del bilancio europeo si darebbe avvio ad una Confederazione Europea da molti auspicata e anche da me. Però vorrei che in questa confederazione (o Unione fate voi) ci fosse pari dignità sul piano culturale. BASTA con questa triade linguistica. Come affermato dal Tribunale di Primo Grado dell'Unione Europea nel novembre 2008 che annullò la decisione dell'UE di pubblicare bandi in sole tre lingue e che non si perde occasione per non tenerlo in considerazione. si può essere protagonisti anche difendendo la propria cultura, se poi serve impareremo anche le altre lingue, ma senza perdere la nostra.