BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Prestiti, banche e titoli di Stato all'8%: ecco cosa rischia l'Italia

Pubblicazione:venerdì 4 novembre 2011

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Draghi ha deciso da poco un abbassamento del costo del denaro che potrebbe in qualche modo aiutare a sbloccare la situazione, e credo sia stata una mossa coraggiosa e molto azzeccata. Anche riguardo i prestiti immobiliari i rischi sono gli stessi di cui abbiamo parlato prima: dobbiamo ragionare sul fatto che ormai siamo in un mercato che è completamente interdipendente e in una situazione in cui abbiamo la Bce e non Bankitalia, quindi abbiamo molti margini in meno di prima, più protezione però anche più rischi connaturati rispetto a prima. Bisogna fare in modo che non si arrivi al credit crunch e fare in modo che quanto richiesto dalle nostre banche non vada ad intaccare immediatamente una possibile ripartenza, perché è ovvio che siamo in un momento di stagnazione assoluta, però è anche vero che determinati segnali possono anche autogenerarsi».

LA DECISIONE DI DRAGHI - «Credo che la decisione di Draghi di tagliare il costo del denaro sia un segnale di grande importanza, ma c’è il rischio che questa svolta venga soppressa nei fatti da politiche come quelle dell’Eba o come quelle di diretta emanazione franco-tedesca, che hanno tutto da guadagnare su politiche che vanno contro le imprese italiane e il loro finanziamento. Occorre tenere i nervi saldi, e occorre anche ricordarsi che questo Paese ha i mezzi per far fronte a tutti questi problemi, per il semplice fatto che le nostre banche, a differenza di quelle francesi e tedesche, sono banche che fanno il loro lavoro, cioè gestione del risparmio e erogazione del credito».

LA SOLIDITA’ DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO – «In questo momento la solidità del sistema bancario in Italia non è un problema diretto. – commenta Bottarelli - Rispetto ai sistemi bancari d’Europa, come quello francese, tedesco, spagnolo e inglese, il sistema italiano è molto più sano, ma paga altre cose, come queste misure distorsive, come la richiesta di ricapitalizzazione assolutamente distonica tra noi, la Spagna, la Francia e la Germania. Paga anche una situazione di credit crunch generale e congelamento dei prestiti che vede le banche strangolate sul loro mercato, quindi in grande difficoltà».   

LA ROTTURA DELL’EURO: COSA ASPETTARCI? – «Se si fosse deciso di salvare davvero la Grecia fin dall’inizio e non di metterci in mano agli isterismi e ai pressapochismi di francesi e tedeschi,  - conclude Bottarelli - si sarebbe trattato di 346 miliardi di euro, quindi si sarebbe potuta tamponare la falla tranquillamente. Si è perso tempo per incapacità e per particolarismi nel voler tutelare i soggetti maggiormente esposti, cioè francesi e tedeschi, e si è arrivati a questa baraonda finale. La rottura dell’euro sarebbe ovviamente un cataclisma, e oserei dire che nessuno in questo momento sta valutando quell’ipotesi. Una cosa è chiara: se ci sarà uno stato che sancirà la fine dell’euro uscendone non sarà la Grecia, né tantomeno l’Italia, ma sarà la Germania per scelta propria».

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.